Home, News, Senza categoria 14 Dic, 2017 @ 12:31

Tutti i matti di Football Manager

Se pensate di giocare troppo a Football Manager non avete di che preoccuparvi. In confronto a questi signori non avete nemmeno cominciato.

By Redazione

Tutti i matti di Football Manager

Per chi ci abbia mai giocato non è difficile capire la condizione mentale dei gentiluomini di cui stiamo per narrare. Chi invece possiede un’esistenza compiuta, fatta di stimoli ed esperienze extra-calcistiche, probabilmente troverà tutto questo senza senso. Ma in fin dei conti poco importa, perché magari i matti sono loro. Chi lo sa.

I gentiluomini di cui parliamo sono quelli finiti nel libro del Guinness World Records per la propria dedizione al gioco manageriale più celebre e diffuso al mondo. Uomini che hanno sacrificato anni della propria vita per la gloria di un Club virtuale, guidandolo come un padre amorevole fino alle soglie di secoli che, nella vita vera, non sarà loro nemmeno permesso vivere.

Il primato per la singola partita più lunga appartiene al polacco Michal Leniec, che scegliendo il Lech Poznan ha disputato 221 stagioni virtuali per 14381 partite complessive. Un record fresco fresco, stabilito il 22 novembre scorso. Il precedente detentore era il 26enne inglese Seb Keenan, “fermatosi” a 170 stagioni. Al momento di ricevere il prestigioso riconoscimento il mister virtuale polacco ha dichiarato:

“Se mi chiedete quanti anni ho “artificialmente” vi direi 258. Nella vita reale sono un po’ più giovane, ne ho 38. Interpreto questo come un premio alla mia famiglia. Per tutto questo tempo ho vissuto con Football Manager sullo sfondo, per cui è stata una sfida anche per loro.”

poznan

E tutti in fondo sogniamo dei cari così comprensivi. Devono essere in odore di beatificazione i parenti di tale Darren Bland. Tra il 2013 e il 2014 questo signore di Liverpool ha difeso i colori della Fiorentina giocando per un tempo effettivo di 173 giorni, 16 ore e 51 minuti in due anni.

“Quella della Fiorentina è la maglia più bella, e il mio giocatore preferito è sempre stato Socrates.” Un motivo sufficiente per giustificare la sua follia? Chi può dirlo. Certamente la fine della mistica esperienza di gioco non è arrivata per sua redenzione, ma per impedimenti tecnici. Come lo stesso Bland ha confessato, la partita si è conclusa infatti a causa del rovesciamento di un liquido sul laptop utilizzato per giocare. Forse lacrime dello stesso apparecchio ormai esausto.

livfm18

E voi? State giocando una partita a Football Manager? Se volete finire sui libri di storia vi conviene non mollare, e metter su del caffè bello forte.

GUARDA ANCHE:

IL SOCIAL MEDIA MANAGER DEL PORDENONE È UN GENIO

ABBIAMO CHIAMATO GLI EX COMPAGNI DI MARK BRESCIANO PER SAPERE PERCHÉ ESULTASSE COSÌ

IL BOMBER DELLA DOMENICA: CHEVANTON E IL DEBUTTO IN TERZA

 

, , , ,

By Redazione


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *