Agavhowa, Altri Campionati 15 Dic, 2017 @ 19:39

Bielsa esonerato: dov’è finito El Loco?

Marcelo Bielsa è stato ufficialmente esonerato dal Lille dopo una lunga sospensione. El Loco ormai sembra essere a un passo dall'abbandonare la gloria

By Redazione

Bielsa esonerato: dov’è finito El Loco?

Marcelo Bielsa non è più l’allenatore del Lille. Una decisione che trova ufficialità soltanto oggi ma che, di fatto, era stata già ampiamente giustificata dalla sospensione precedente. Per chi non lo sapesse, il tecnico ex Marsiglia fu sospeso dal club francese per via di alcuni attriti con la dirigenza. In particolare, sembra che l’allenatore argentino sia stato fermato dalla società poiché, senza permesso, sarebbe tornato in patria per visitare un amico e collega malato. Oltre a questo, va detto che l’inizio campionato del Lille era stato parecchio negativo, con il club che navigava in piena zona retrocessione con numeri e statistiche insufficienti.

Bielsa dunque subisce l’ennesimo fallimento della sua carriera europea. Nonostante sia considerato universalmente un vero e proprio maestro di calcio, innovatore sensibile del pallone oltre che guida per molti giocatori, Bielsa ha finito per vincere qualcosa soltanto in Argentina e con l’Argentina (per la precisione con la fortissima Nazionale Olimpica di Atene 2004). In Europa forse soltanto l’avventura con l’Athletic Bilbao ha risvegliato sopiti e palesi emozioni del periodo albiceleste: due finali nella prima stagione, anche se comunque perse contro altre due squadre spagnole (l’Atletico Madrid in Europa League e il Barcellona in Copa del Rey). In molti si chiedono, soprattutto in Italia, come sarebbe potuto cambiare il futuro di Bielsa in caso di approdo alla Lazio. Una domanda alla quale, evidentemente, non potremo dare risposta mai.

Bielsa

A questo punto per El Loco, ormai sempre meno “pazzo” e maggiormente prevedibile per gli avversari, il tempo come allenatore a medio-alti livelli potrebbe essere giunto al termine. La strada giusta potrebbe essere proprio quella di tornare in Argentina, per inseguire sogni in patria e insegnare calcio a giovani potenziali fenomeni. Tra tutti gli esempi di grandi allenatori mai troppo compresi e vincenti, però, quello di Marcelo Bielsa è sicuramente il più amaro. Perché non basta essere dei fenomeni per arrivare in alto.

 

LEGGI ANCHE:

Portaluppi esagera: “Io meglio di CR7”

FIGA TIME: Ecco Jessica, è lei il vero Premium

Ciccio Tavano è ancora un bomber: capocannoniere della C a 38 anni

, , , , , , , , ,

By Redazione


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *