Home, Senza categoria 24 Dic, 2017 @ 19:26

Alcuni dei gol più belli del 2017, secondo noi

Ci siamo messi su YouTube e abbiamo scelto alcuni dei nostri gol preferiti.

By Redazione

Alcuni dei gol più belli del 2017, secondo noi

Il 2017 sta volgendo al termine e noi ci siamo presi la briga di ricercare i gol che più hanno lasciato il segno nella nostra memoria. Ne abbiamo selezionati solo alcuni, per cui è normale che tante altre bellissime reti siano rimaste fuori. Non vi offendete e festeggiate il Natale con noi portandoci i vostri gol più belli, quelli più significativi per noi. Questi sono i nostri.

 

CAVANI – Da quando Ibra è andato via, Cavani si è ripreso il centro dell’attacco e ha smesso di rincorrere gli avversari in tutto il campo. Quando El Matador è libero di colpire a centro-area può inventarsi di tutto e in questo caso ci ha lasciato un tacco volante proprio alla fine dell’anno. Della serie: quando fate i classificoni dei gol migliori, ricordatevi di me.

BELOTTI  – Nella sua stagione più nera, Belotti si è inventato uno dei suoi gol più belli. Il cross arriva dalla destra e spiove poco al di fuori dell’area piccola: il Gallo lo segue con lo sguardo e poi si coordina con una precisione chirurgica che spacca la porta. Chi ce l’ha al fantacalcio vorrebbe vedere certe giocate con una frequenza maggiore, ma confideremo nel 2018.

OSCARIN MASULUKE – Giocatore senz’altro sconosciuto ai più, Masuluke è il portiere del Baroka realizza uno dei gol più belli della storia di un portiere (se non il migliore). La partita è Baroka-Orlando Pirates, i padroni di casa sono sotto 0-1 e all’ultimo corner del match anche il portiere va dentro l’area. La palla rimbalza verso l’uscita dell’area e Masuluke la rincorre spalle alla porta. Da lì il tentativo di rimetterla in gioco con una rovesciata che si spegne in porta.

MERTENS – Quest’anno Mertens si è preso la gioia di imitare il gol che Maradona fece alla Lazio e lo ha replicato proprio all’Olimpico. La solita verticalizzazione di Jorginho viene intercettata da Strakosha, che con l’apertura delle braccia scaccia il pallone al di fuori della sua area di rigore. Ma Mertens ha una rapidità di esecuzione pazzesca e senza neanche guardare la porta spara un tiro a giro che è una sentenza.

MANDZUKIC – Nella nefasta serata bianconera di Cardiff, Mario Mandzukic ha fatto uno dei gol più belli della storia delle finali di Champions League. In svantaggio di un gol, Marione ha la lucidità di eseguire una rovesciata perfetta che ha dato una grossa illusione a tutto il popolo bianconero. Ma la bellezza del gesto tecnico, la coordinazione, la traiettoria, beh, quello resta.

https://www.youtube.com/watch?v=q0aknxveU68

MBOULA – Questo è un gol di Youth League, ma merita di essere visto (tanto da essere candidato ai Puskas Awards). Il canterano del Barcellona fa tutto quello che vuole: prima la rouleta, poi va via con dei dribbling ubriacanti a tutta la difesa del Dortmund e solo alla fine spiazza con freddezza il portiere dopo cinquanta metri palla al piede. Una promessa di un fenomeno.

GIROUD/1 – Giroud è quel giocatore che ti aspetti segni solo con gol sporchi, e spesso è così, ma certe volte se ne inventa alcuni pazzeschi. Questo è l’ultimo in ordine cronologico e lo ha realizzato a Belgrado al termine di un’azione memorabile: dopo un triangolo riuscito con annessi colpi di tacco e torsioni di testa, Giroud che fa? Una bella rovesciata: non si poteva mica segnare con semplicità dopo una manovra così avvolgente.

GIROUD/2 – Questo invece lo ha segnato il primo dell’anno e già allora avevamo detto che sarebbe stato il gol dell’anno. Ce ne sono stati altri, certo, ma questo non ce lo siamo dimenticati. Anche qui lo scorpione di Giroud è solo l’elegante conclusione di un’azione orchestrata con fluidità e armonia.

FEKIR– Qui è quando Fekir, all’alba del nuovo campionato, ha deciso di tirare questo missile da metà campo meritevole di più visioni. Con che velocità è andato il pallone?

INSIGNE – L’uomo più richiesto per andare ai Mondiali ha dato le sue uniche risposte sul campo dopo l’esclusione della Nazionale dai Mondiali: un gol capolavoro che non è servito a far passare il turno al Napoli, ma ad ampliare il repertorio di capolavori nella bacheca di questo fenomeno.

GUARDA ANCHE:

DON FABIO ALL’IMPROVVISO: “IBRA NON SAPEVA CALCIARE, ROMPEVA…”

S.O.S. BOMBER. IL BENEVENTO “TAGLIA” PAOLINO DE CEGLIE

FIGA TIME: LA MERAVIGLIOSA “FORTUNA” DELLA FIGLIA DI PORTALUPPI

, , , , ,

By Redazione


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *