Da MSN a LOL. L’oro blaugrana su Dembélé

Da MSN a LOL. L’oro blaugrana su Dembélé

Ousmane Dembélé è un nuovo calciatore del Barcellona: il giovane francese è il secondo calciatore più pagato nella storia di questo sport

Incredibilmente, in una sola sessione di calciomercato, si sono verificati quelli che resteranno alla storia come il primo e il secondo acquisto più cari nella storia del mondo del pallone. Del primo ormai sappiamo tutto, con la clausola rescissoria pagata dal PSG che ha interrotto la storia d’amore tra Neymar e il Barcellona. Il secondo, invece, si è concretizzato oggi e riguarda di nuovo il club blaugrana, stavolta in fase attiva e dunque non di cessione: Ousmane Dembélé è un nuovo giocatore del Barcellona e sarà lui a sostituire il brasiliano, lasciando così il Borussia Dortmund dopo le bizze della scorse settimane.

Talento cristallino e incredibilmente notevole a livello di prospettiva futura, Dembélé è diventato – come dicevamo poc’anzi – il secondo calciatore più pagato in termini di calciomercato. Il giovane francese ha fatto sborsare al Barcellona la bellezza di 105 milioni di euro cash avvalorati da 42 milioni di bonus, per un totale complessivo di 147 milioni di euro. Davvero niente male per un calciatore appena 20enne che fino a 2 anni fa giocava nel Rennes e che in carriera ha messo a segno 23 gol tra club e Nazionale transalpina. Il Barcellona ha però desiderato moltissimo il giovane, che andrà così a comporre con ogni probabilità il nuovo tridente titolare della squadra catalana.

Anche l’acronimo, inevitabilmente, cambia: non più MSN (Messi-Suarez-Neymar) ma potenzialmente LOL (Lionel-Ousmane-Luis). E se davvero dovessero i tre diventare tali sarebbe una bella notizia per tutti i tifosi del Barcellona, data l’etimologia della parola anglofona che esprime una sensazione di grande giubilo e divertimento. Impossibile dire se adesso la proprietà del club proverà anche a strappare Coutinho al Liverpool ma ancora una volta il Barcellona ha fatto la storia, in un modo o nell’altro. Resta solo da capire se il giovane prodigio diventerà veramente un campione o, nel peggiore dei casi, un pessimo investimento.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy