Il calcio di Elio E Le Storie Tese

Il calcio di Elio E Le Storie Tese

Elio E Le Storie Tese sono irrimediabilmente legati al calcio, per cui hanno scritto varie canzoni. Una in particolare è ormai un pezzo di storia

Personalmente, ho sempre reputato Elio E Le Storie Tese il mio gruppo preferito: un po’ incompresi dai “poteri forti” e mai troppo mainstream da imporsi a livello assoluto, il gruppo milanese è però un compendio stratosferico di bravura musicale, competenza, ironia, satira. Consiglieri un loro disco ad occhi chiusi praticamente a chiunque. Quello che però molti non sanno, poiché non rappresentano la fan base abituale del gruppo, è che Elio E Le Storie Tese si sono molto spesso occupati di calcio in svariate delle loro canzoni.

Iniziamo con “Nessuno Allo Stadio”, canzone che il gruppo compose alla vigilia dei Mondiali di USA 1994 per la trasmissione “Mai Dire Mondiali” della Gialappa’s Band: nel Elio E Le Storie Tese, vestiti come i Bee Gees, si fanno trasportare dal ritmo della canzone con fare molto vintage. Precedentemente, il gruppo aveva già prestato a “Mai Dire Gol” un’altra sigla: il brano “Sunset Boulevard” parla di un calciatore ormai sul viale del tramonto (da qui il titolo) che è diviso a metà tra la voglia di poter ancora incidere sul campo e le sollecitazioni esterne che gli intimano di ritirarsi e di appendere le scarpe al chiodo “perché il viale del tramonto si percorre a piedi nudi”. Elio E Le Storie Tese hanno dedicato anche un brano ad Enrico Ameri, scomparso ma indimenticato radiocronista sportivo di Tutto Il Calcio Minuto Per Minuto. La canzone, per l’appunto, si chiama “Ameri” ed è in parte anche una parodia della canzone “Gli Amori” di Toto Cutugno, il quale infatti viene citato.

Elio E Le Storie Tese

“Amico Uligano” e “La Gente Vuole Il Gol” (utilizzata per gli Europei del 2000) sono state altre due canzoni a base calcistica della band. La più famosa e discussa canzone sul calcio di Elio E Le Storie Tese, però, resterà sempre “Ti Amo Campionato”, un pezzo che ha finito per fare la storia anche per via del tema tratta. Cantata per la prima volta al termine di un’edizione di Mai Dire Gol, il pezzo parla degli errori arbitrali a favore della Juventus nel campionato di Serie A 1997-1998, per intenderci quello del famoso rigore non fischiato a Ronaldo durante lo scontro diretto. Oltre a quell’episodio, vengono citati anche il gol regolare di Bierhoff non convalidato, un rigore non dato alla Lazio all’Olimpico, la gomitata non sanzionata di Montero a Neqrouz, il gol regolare non dato a Protti in Juve-Napoli e altre situazioni molto dubbie. Il pezzo ha praticamente avuto nuova vita durante e dopo lo scandalo Calciopoli, con Elio E Le Storie Tese visti come “precursori” nel raccontare l’avvenimento.

Per chiudere, va ricordato anche come Elio, anni fa, avesse scritto l’inno dell’Inter, sua squadra del cuore: il titolo della canzone è, appunto, “C’è Solo L’Inter”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy