Mauricio detto “il giusto”: mazzate per tutti

Mauricio detto “il giusto”: mazzate per tutti

I problemi difensivi della Lazio non sono, purtroppo per i tifosi biancocelesti, carta poco conosciuta: con l’infortunio di De Vrij, infatti, quest’anno i romani hanno perso molto smalto e posizioni in classifica a causa proprio della mancanza dell’olandese, senz’altro il più talentuoso della retroguardia. In sua assenza stanno provando ad imporsi i vari Hoedt e Gentiletti, ma il vero protagonista di questa prima parte di stagione della Lazio è sicuramente quel Mauricio che, con pieno spirito cristiano, sta asfaltando qualsiasi cosa passi dalle sue parti.

Mauricio

Ispiratosi alla carriera di Vinnie Jones, Paolo Montero e Marco Materazzi, conosciuto per la sua calma olimpica da maestro zen, Mauricio ha dato alle sue prestazioni sicuramente il pregio della continuità, nel senso che ad ogni partita cerca di ammazzare qualcuno, indipendentemente dalle caratteristiche dell’avversario in questione. Già ad ottobre il nostro eroe aveva stracciato qualsiasi record: il brasiliano, infatti, è primo per record di cartellini in Italia dal suo arrivo e anche in Europa si è guadagnato la pagnotta, come in molti ricordano nel preliminare di Champions League contro il Bayer Leverkusen. Più in generale, Mauricio è un vero e proprio portabandiera del cartellino, che ha esportato in tutte le competizioni da lui giocate con la maglia della Lazio. Un binomio che sembra indissolubile quello tra il centrale difensivo ed i cartellini: sospettiamo che il ragazzo stia diventando, in gran segreto, il calciatore preferito da tutti gli arbitri del Vecchio Continente per il suo modo di giocare molto aggressivo.

Il nostro sogno? Vedere Mauricio giocare in Premier League, ovvero in un campionato molto pacato nel quale per essere ammonito devi almeno prima aver collezionato un’accusa plurima di omicidio preterintenzionale. Chissà se le nostre fantasie verranno realizzate: intanto, continuiamo a goderci le gesta di nobile violenza da parte del possente giocatore carioca, sperando che a Lotito venga in mente prima o poi di sfruttarlo per una grossa plusvalenza estera.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy