Bomber smarriti…tra i pali. Salviamo i nostri guantoni!

Bomber smarriti…tra i pali. Salviamo i nostri guantoni!

Quanti i Bomber che si smarriscono perché non la buttano più dentro…almeno in campo. Il “morbo di Alan Smith” può però colpire anche chi gioca in porta. Per l’edizione speciale dei “Bomber smarriti” vediamo tre portieroni di casa nostra. Più che la constatazione della resa, questo vuole essere un monito per chi non li fa più giocare. Salviamo i nostri guantoni!

Simone Scuffet

Italy U21 Training Session

La storia di questo Mozart delle prese alte rischia di ricalcare quella degli attori-bambini di Hollywood. Troppa pressione e gente che, quando hai 19 anni, ti dice che non sei più quello di una volta. A 17 anni compiuti ha spinto l’opinione pubblica a chiedere il pensionamento di Buffon. Miracoli e una sicurezza insospettabile nelle prime partite con l’Udinese gli spalancarono le porte di Coverciano. Poi…Stramaccioni.

Simone non ha subito un calo di rendimento alla Pelizzoli o alla Curci. Come in un episodio di X-Files il suo nome non è semplicemente più comparso tra i titolari dei bianconeri. Al suo posto il greco Karnezis che, con tutto il rispetto, non è la reincarnazione ellenica di Jashin.

E pensare che poche settimane prima, nell’estate 2014, Scuffet era a un passo dal firmare per l’Atletico Madrid. 900mila euro all’anno per 5 anni. Cosa fece saltare tutto? La Maturità. Vedendo le cifre viene quasi da invidiare Immobile o Cassano che manco l’hanno vista in foto.

Morale della favola: Scuffet adesso è in prestito al Como. Noi ci auguriamo possa crescere e diventare comunque il portiere della Nazionale. Pur sempre è vero però che i treni passano una volta nella vita. Speriamo Simone abbia perso quello sbagliato.

Vito Mannone

Bradford City v Sunderland - FA Cup Fifth Round

Vito è un Bomber assoluto. La sua carriera è un invito a non mollare mai niente e crederci fino in fondo. Potrebbe essere l’esempio più corretto proprio per Scuffet. Voi direte…forse è meglio per lui seguire le orme di qualcun altro. Sì e no. Perché Mannone è stato un prodigio proprio come il friulano. Nel 2005, a 17 anni, firmò per l’Arsenal, svoltando apparentemente la propria carriera. Poi, sempre restando in Inghilterra, non ha superato le 60 presenze in 7 anni tra Gunners, Barnsley e Hull City.

Finalmente, nel 2013, firma per il Sunderland e, con l’arrivo di Poyet sulla panchina, trova il posto da titolare. Il sogno dura poco e oggi il nostro Vito deve fare da secondo al romeno Pantillimon, che non è un Pokemon ma un giocatore. Nel mezzo, però, due belle storie. La prima è di pura gloria. Mannone, in una di quelle grandi serate di coppa inglesi, riuscì a parare due rigori contro lo United e a risultare dunque decisivo per la qualificazione dei Black Cats alla finale di Coppa di Lega.

La seconda dà l’idea del personaggio. Il Sunderland viene travolto nel 2014 dal Southampton che ottiene la vittoria in casa per 8 a 0. Mannone decide dunque di organizzare una colletta per “rimborsare” la trasferta ai tifosi che hanno seguito la squadra. Che Bomber!

Salvatore Sirigu

Bulgaria v Italy - EURO 2016 Qualifier

L’ultimo Bomber a rischio è Salvatore Sirigu. Lui la Nazionale l’ha vista eccome. Ha fatto prima la gavetta, affermandosi poi, anno dopo anno, a Palermo. Da buon sardo a lavorare a testa bassa fino a che il sogno non ha preso forma. Salvatore Re di Parigi, dal 2011 al 2015 signore dei pali al Parco dei Principi. Grandi campionati, belle serate europee e la netta sensazione di essere l’unico vero erede di Buffon.

Poi, come niente fosse, la storia s’interrompe. Salvatore ora sta in panchina ai margini della squadra. Al suo posto gioca Trapp, che non è il Mito di Cusano Milanino ma uno dei tanti tanto decantati rincalzi tedeschi di Neuer. Uno che appena arrivato ha cominciato a spaperare a raffica e adesso, dopo un rigore parato col Marsiglia, fa il figo mettendo le foto con Rihanna su Instagram.

Porta pazienza Salvatò! In fondo uno che baciava la pelata di Barthez che cazzo deve capire di portieri…

 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy