Il paradosso di Rafa: in Spagna è il “re dello 0-0”

Il paradosso di Rafa: in Spagna è il “re dello 0-0”

Il quotidiano Marca, giornale spagnolo molto vicino a mondo dei Blancos, ieri titolava così: “Il Real Madrid, re dello 0-0”. Sono già giorni difficile per l’ex tecnico del Napoli Rafa Benitez. E no, la dieta non c’entra. La prova costume non è stata superata come ampiamente previsto; come era altrettanto ipotizzabile però, Rafa sta incontrando i primi problemi nella Casa Blanca per la non facile sostituzione di Carletto Ancelotti e per l’anarchia tattica che regna sovrana a Madrid.

Benitez, grande fautore del 4-2-3-1 con due mediani “cagnacci” davanti alla difesa (da Mascherano a Sissoko, da Gargano a David Lopez la storia parla per lui), dev’essersi spaventato al pensiero di proteggere la difesa con giocatori come Modric, Isco, Kroos, James Rodríguez…Eppure “Torero Camomillo” non si è scomposto più di tanto e ha scelto il croato (Modric) e il tedesco (Kroos) come guardiani difensivi alle spalle dei 4 tenori davanti che non tornerebbero nemmeno se in difesa nel Real giocasse Sasha Grey. Anche perché da quelle parti nessuno era disposto a comprargli Gargano.

Ed ecco che chi prevedeva banalmente dei 6-4 ad ogni partita si è dovuto ricredere. Nelle 9 uscite stagionali il Real Madrid ha subito solo 3 reti, mai più di una a partita. Ha infilato quattro volte lo 0-0 (risultato che con Ancelotti si è visto solo due volte in 119 partite). E sempre in cinque partite su 9 il Real nonostante CR7, Bale e compagnia bella non ha segnato nemmeno un gol. Pallido il ricordo del 2-4 nella “finale per la Champions” contro la Lazio nell’ultima giornata di Serie A 2014-2015.

Rafa, che a Napoli era noto per la difesa impermeabile come una t-shirt di cotone, sembra momentaneamente aver sistemato questa fase a discapito…..dell’attacco. Cosa che non piace per niente ai vertici blancos, Perez su tutti. Lì pagare per uno zero-zero significa andare in un night per vedere le donnine in top. In queste settimane si è sentita la mancanza del “gattone di marmo” Benzema, ma non può essere l’unica scusante. Bale si è svegliato una sera d’estate e si è convinto di essere un trequartista alla Zidane. Lui centometrista mancato che gioca di prima spalle alla porta. Troppe pinte di doppio malto in Galles quest’estate vero? Cristiano Ronaldo invece per ora sembra ancora in vacanza sul suo yacht. Poi fin quando Messi non segna una tripletta, lui di certo non fa il primo passo.

Benitez corra ai ripari presto o è prevedibile che non arrivi nemmeno a Natale e stavolta non parliamo dei suoi valori alti di glicemia.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy