Le 10 convinzioni errate di un Bomber senza apparenti meriti sportivi.

Le 10 convinzioni errate di un Bomber senza apparenti meriti sportivi.

Ogni Bomber che si rispetti ha inculcato, non si sa per quale assurdo motivo, una o più di queste convinzioni, che puntualmente vengono smentite dalla realtà dei fatti.

10 – “Le scarpe da calcio o calcetto devono avere colori assurdi, per mettere in risalto la mia tecnica sopraffina.” BALLA, nel mondo reale il colore delle scarpe non conta un cazzo, conta quello che c’è dentro le scarpe.

9 – “La domenica pomeriggio dopo la partita è d’obbligo andare a fare l’aperitivo con la tuta della squadra di appartenenza per far vedere che si è degli sportivi, indipendentemente dalla categoria in cui si giochi.” Seriamente, Bomber, sembrate usciti da un pigiama party o da una puntata di “Ma come ti vesti?”

8 – “Per battere una punizione di potenza è obbligatorio fare i passettini come Roberto Carlos e il suo tiro delle tre dita.” La NASA ci segnala la presenza di palloni dell’Errea presenti nella Ionosfera a causa di questa usanza tanto inutile quanto brutta da vedere, non si contano neanche più le finestre sfondate, i parabrezza rotti e i tifosi lacerocontusi.

7 – “Devo assolutamente aggiornare tutti i miei amici su Facebook sull’andamento della squadra in cui gioco.” NO, non ce ne frega niente.

6 – “Non è colpa mia, è che ho avuto un infortunio e sono ancora un po’ fuori forma.” Certo, e la riabilitazione la fai a birre medie e sigarette, terapia prescritta dal Dr. Nick Riviera dei Simpson.

5 – “Hai visto che rimbalzo ha preso il pallone? Non è colpa mia!” Bomber, hai sbagliato un passaggio da 2 metri con palla ferma su di un campo in erba sintetica, ma facciamo finta di crederti perché ti vogliamo bene.

4 – “Gioco negli amatori perché è più comodo: ci sono meno allenamenti e giochiamo durante la settimana, così ho il weekend libero.” No, Bomber, giochi negli amatori perché è l’unica categoria in cui il tuo tasso tecnico e\o atletico ti permette di giocare. E perché sei amico con l’allenatore e di qualche giocatore.

3 – “Anche se non corro tanto compenso con la mia tecnica superiore alla media.” Tranquillo, Bomber, in panchina non si nota che corri meno degli altri.

2 – “Ho smesso di giocare\ho cambiato squadra perché ho litigato con allenatore e compagni, che non capiscono un c…o.” Chissà perché con quelli buoni per davvero non litiga mai nessuno e non devono cambiare squadra\smettere.

1 – “Perché ho la testa matta, sennò sarei arrivato in categorie superiori… è che mi piace troppo la bella vita: bere, mangiare, andare a donne…” No, Bomber, è che sei scarso. Bere, mangiare ed andare a gnocca piacciono a tutti, ma chissà perché hanno fregato solo te queste cose.

 

Articolo di: Francesco “Cisco” Sarchi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy