Il dramma di Adebayor: “Ho pensato al suicidio”

Il dramma di Adebayor: “Ho pensato al suicidio”

Il giorno prima del derby londinese tra Arsenal e Tottenham (le sue due ex squadre) vinto dai Gunners di Wenger, il togolose Emmanuel Adebayor si è lasciato andare ad un’intervista shock ai microfoni di So Foot. “Sì è vero, ho pensato seriamente al suicidio”.

La vicenda è nota già da qualche mese. I suoi familiari, rimasti in Togo, hanno seguito con particolare attenzione la carriera del 33enne ex bomber del Real Madrid che oggi milita nell’ Istanbul Basaksehir. E non propriamente da tifosi…

“Ho pensato più volte di suicidarmi, di farla finita. Ho tenuto dentro di me tutto ciò per anni e anni, e sono disgustato per come sono andate le cose. Ora, però, mi sento rinato per averne parlato: le cose sono difficili da sopportare quando lavori duramente per togliere la tua famiglia dalla povertà, ma nonostante ciò si scagliano sempre contro di te. Ho detto ai miei fratelli più giovani che siamo stati manipolati dalle nostre famiglie. Spesso cambio il mio numero di telefono in modo che la mia famiglia non possa contattarmi. Mi chiamano, non per chiedere come stia, ma per chiedere denaro. Vi racconto la volta che mi infortunai al bicipite femorale mentre ero al Tottenham: mi hanno telefonato mentre stavo facendo un esame strumentale per chiedermi se potevo pagare le rette scolastiche di un bambino. Prima, chiedimi almeno come sto”.

Adebayor è da sempre stato un personaggio controverso nel mondo del calcio. Sono molti a pensare che il togolese abbia buttato via il suo talento per i suoi celebri vizi uniti ad una scarsa professionalità (leggi qui). Ma è probabile che, questa vicenda familiare e privata che lo tormenta da anni, abbia inciso non poco sulla serenità di un progetto di campione, che soltanto all’Arsenal per un breve periodo, ha dimostrato di poter valere la top 5 degli attaccanti mondiali.

 

LEGGI ANCHE:

Il Bomber della domenica: Khedira come Barthez

Le più belle gaffes di Gian Piero Ventura

Ad un passo dalla leggenda… col bidone svedese

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy