Trump chi? il King dei cazzari è Manenti e…is back

Trump chi? il King dei cazzari è Manenti e…is back

Il mondo trema per Trump. Il vero cazzaro d.o.c. però, tanto per cambiare, è roba nostra. Giampiero Manenti potrebbe riscendere in campo dopo le magie di Parma…

Giampiero Manenti è il personaggio di maggior culto nella storia recente del calcio italiano. Anche lui, proprio come Trump, aveva un sogno. Tornare a fare il “Parma great again”, salvandolo dalla minaccia di investitori poco seri, senza le garanzie per rinverdire i fasti vissuti negli anni ’90 dal Club gialloblu.

Come è finita la faccenda, eravamo nel marzo 2015, lo ricordiamo tutti. Perché Manenti non solo era un cazzaro, ma lo era apertamente, in modo clamoroso. Tutto faceva pensare che non potesse nemmeno avere i soldi per pagare l’autostrada da Orzinuovi a Parma e, infatti, non ce li aveva.

Come anche solo una persona abbia potuto pensare fosse un proprietario credibile, inquieta molto di più di tutte le sparate di Trump messe assieme. Tanti gli episodi di culto durante il suo regno ducale:

  • la solita giacca lisa con il dente d’oro che lo faceva sembrare il Joe Pesci di Mamma ho perso l’aereo.
  • giacca sostituita prontamente con il giubbotto del Club, probabilmente fregato dal magazzino e mai più tolto.
  • Le sparate sulle banche che dovevano collaborare con lui: “conosce HSBC? conosce Barclays?”. Giampi, anch’io conosco la Canalis e Belen, ma non per questo le ho nel lettone.
  • Il celebre “i soldi ci sono”. Nel tragitto tra Nova Gorica e Parma però si sono persi.
  • La sede della gloriosa “Mapi Grup” proprio a Nova Gorica. Una cascina che se la vedesse l’ASL, ordinerebbe un incenerimento istantaneo.
  • E poi la magica passerella nelle vie del centro di Parma, tra insulti e sputi, terminata con il sequestro della Citroen C1 presidenziale a causa di un cumulo di multe non pagate. Fantastico!

La vicenda si concluse con il gabbio per il Giampi, per il tentativo di finanziare il Club con qualche soldino caricato sui POS della società, proveniente da alcune truffe telematiche. Una genialata insomma.

Ora un coraggioso giornalista di TuttomercatoWeb Radio ha deciso di ridargli una voce. In fondo sembra giusto rivolgersi a uno come il Giampi per sapere come deve andare il calcio e che ruolo voglia avere uno stratega come lui.

Dall’intervista, udite udite, trapela che Mr. Manenti,  a certe condizioni, potrebbe tornare a occuparsi di calcio. Il tutto sarebbe comico, se non fosse arrivata la minaccia finale: “Intanto seguo il vicenza perché mi piace Bisoli”.

Siamo certamente vicini ai tifosi biancorossi. Un’intervista tra Manenti e Fabietto Noaro però, potremmo desiderarla più che mai!

-Manenti dice che porterà nelle casse del Club una ventina di milioni, per la precisione una ventina e un po’.- (semi cit. Noaro)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy