Pallone o Muerte. Nei Dilettanti per sudare ancora

Pallone o Muerte. Nei Dilettanti per sudare ancora

Dopo una vita tra i Pro non hanno saputo dire basta. Ecco l’esercito dei “vecchietti” di talento che sono scesi tra i Dilettanti per spiegarla ancora.

Pochi giorni fa abbiamo parlato del momentaneo ritorno al calcio giocato di Pavel Nedved. Ebbene, il Pallone d’oro ceco non è l’unico “vecchietto” che non riesce proprio a dire basta. Sparsi nelle nostre categorie minori ci sono ex-giocatori di Serie A, che non ci hanno pensato due volte a scendere nei dilettanti piuttosto che appendere e scarpe al chiodo.

Già da un paio d’anni Andrea Gasbarroni, scuola Juve ed ex soprattutto di Palermo e Sampdoria, milita in serie D. Il 36enne piemontese ha portato quest’anno la sua esperienza al Bra.

gasba

Il 46enne brasioliano Francisco Lima, ex giallorosso di Roma e Lecce, ha ormai deciso di sfidare il tempo. Molto legato al Salento dopo i trascorsi in Serie A, gioca oggi per l’Atletico Aradeo, squadra del’Eccellenza pugliese.

lima

Dal 2014 anche il fantasista 38enne Jeda è uno specialista della Serie D. A Cagliari ha dato prova del suo talento, con la lombarda Vimercatese Oreno della sua intramontabile passione.

jeda

A seguire le orme del leggendario Ballotta tra i nostri Highlander troviamo Davide Baiocco. Polmone inesauribile del Perugia di Serse Cosmi (per dire da quanto gioca), a 42 anni compiuti il centrocampista umbro non molla niente. Negli ultimi giorni di agosto ha firmato per i catanesi dell’Asd Calcio Biancavilla, formazione d’Eccellenza. E con questo sono 25 anni di carriera.

baiocco

C’è chi poi aveva smesso, ma di stare a casa non se l’è sentita più. Questo è il caso dell’argentino ex Juve, Catania e Fiorentina  Sergio Almiron. Nel 2015 aveva giocato l’ultima stagione in Lega Pro con l’Akragas di nicola Legrottaglie. Oggi, a 37 anni, si rimette in gioco con l’Acireale, Club siciliano neopromosso in Serie D.

almiron

E no, non c’è niente da fare. La vita da spogliatoio, l’odore del gesso e dell’erba tagliata, il sudore, la fatica, e la gioia per un traguardo raggiunto superano ogni ostacolo. Anche, in particolare, quello del tempo. Un grande applauso e in bocca al lupo a tutti questi professionisti che continuano imperteriti a deliziare le province italiane con i proprio talento, e ad aiutare tanti giovani dilettanti con consigli ed esempio da “Pro”.

 

 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy