Spal… la di maiale. La cena “lurida” dei Bomber biancazzurri

Spal… la di maiale. La cena “lurida” dei Bomber biancazzurri

Cosa c’è di meglio di un bel panino del “lurido” dopo una bella sudata? Davvero niente. Hanno pensato così anche Mister Semplici e i ragazzi della Spal, al termine della gara amichevole con il Perugia.

Ancora non hanno sancito ufficialmente il ritorno storico del Club in Serie A, ma i ragazzi della Spal sono già tra i favoriti per entrare nel cuore dei tifosi italiani. Perché? Per un episodio decisamente “bomberesco” al termine della partita amichevole giocata in casa del Perugia.

Guidata anche in quest’occasione dal Mister Leonardo Semplici (in questo caso, più che mai, anche di fatto), la comitiva della Spal ha deciso di organizzare una bella cena per rifocillarsi dopo l’impegno sportivo. E fin qui, niente di particolare.

Invece di scegliersi un rinomato ristorante nel centro storico di Perugia, sparandosi una tagliatella dolce alle noci e una lonza di maiale al ginepro, gli emiliani hanno preferito rimanere nei pressi del Renato Curi. Qui, insieme ai tifosi di casa piacevolmente sorpresi, si sono abbandonati a un’orgia di salamella, porchetta e lampredotto, consumata in piedi di fronte ai mezzi degli ambulanti.

spal1

Un post-partita “lurido” che ha decisamente avvicinato i calciatori della Spal al modo di vivere la partita tipico dei tifosi, fatto di passione e semplicità. Che questo bagno di umiltà possa servire come insegnamento per quando i biancazzurri dovranno gettare il cuore oltre l’ostacolo verso la salvezza?

Potrebbero in effetti aver brevettato un nuovo genere di esercitazione per il cosiddetto “team building”. Le astronomiche cifre del mercato internazionale sono ben lontane dalla testa dei ragazzi della Spal, ma questo potrebbe essere un vantaggio. E condividere momenti così genuini può davvero essere utile a mantenere i piedi per terra e cementare il gruppo.

Ah! Poi c’è comunque da dire che un panino con carne o salumi umbri è cento volte meglio di qualsiasi “cosa” tu possa mai mangiare, per esempio, in Germania o Inghilterra.

GUARDA ANCHE:

FUORI ANTONELLA, DENTRO ORIANA. IL “MERCATO” DI PAULO

CAMBIO AGENTE, CAMBIO VITA? 

 SOTTO IL SOLE SOTTO IL SOLE, C’È CUTRONE C’È CUTRONE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy