Organizzare partite di calcetto (tratto da una storia vera)

Organizzare partite di calcetto (tratto da una storia vera)

…Poi se li riesci a trovare è per qualche miracolo: all’inizio cerchi quelli sanno giocare a calcio, poi quelli che sanno com’è fatto un pallone e alla fine s…

Ma quanto è bello organizzare le partite di calcetto?

Arrivi al giorno prima della partita e ne hai già trovati 7, pensi: “E’ fatta!Vuoi che 3 non li trovo?”

E invece da quel momento non trovi più nessuno:
“Eh no bomber mi spiace devo portare mia nonna a Roma” (credibilissimo quando tu abiti a Milano)
“Ho una visita medica” (alle 19 di sabato?)
“Non riesco”, “Mi sono fatto male ieri schiacciando una noce” (fantasioso)
“No stasera no, la prossima chiamami!” (non verrà mai)
“Devo uscire a cena con la mia morosa” (ma fino a ieri non era single?)

Poi se li riesci a trovare è per qualche miracolo: all’inizio cerchi quelli sanno giocare a calcio, poi quelli che sanno com’è fatto un pallone e alla fine senti quelli che una volta hanno sentito la parola “pallone” in tele.

Se la partita poi dovesse saltare alla sera becchi anche l’amico simpatico che ti dice “Mi raccomando non chiamarmi mai eh!”
La volta dopo e per 10 volte consecutive tu lo chiamerai, ma lui non ci sarà. Mai.

Admin Alberto
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy