JOHN TERRY, UNA LUNGA STORIA D’AMORE

JOHN TERRY, UNA LUNGA STORIA D’AMORE

Alla fine il rinnovo è arrivato: John Terry resta il capitano del Chelsea. Nell’ultimo match contro il Leicester si respirava aria di imminente addio, nonostante l’affetto dimostrato dai tifosi Blues al difensore, ma alla fine il difensore ha rinnovato il suo contratto per un altro anno, con il benestare di Antonio Conte, prossimo allenatore del club londinese.

Vengono rinnovate quindi le “promesse” delle due parti e continua il matrimonio, spesso difficile ma non per questo meno vero, tra il Chelsea e il suo capitano. Non tutti sanno però che il primo amore calcistico di John Terry, quando era poco più che un bambino, fu il Manchester United. Per carità, una bella donna con un grande fascino da cui difficilmente si può sfuggire, ma sapendo oggi come sono andate effettivamente le cose tutto ciò non può far altro che strappare un sorriso.

Il suo primo amore (concreto) giovanile fu in realtà il West Ham squadra in cui arrivò all’età di 11 anni. Ma quella con il West Ham (così come l’anno in prestito al Nottingham nel 2000) fu solo una piccola parentesi nella lunga storia d’amore con la donna che lo accolse ragazzino e che lo tiene stretta gelosamente al suo petto ancora oggi quando è un uomo di 36 anni: il Chelsea.

Magari quando arrivò allo Stamford Bridge Terry questo non lo sapeva ma fu in quel momento che scattò quel colpo di fulmine che lo legò indissolubilmente a quella maglia e a quei colori. Capitano dal 2004, con i Blues il difensore è riuscito a vincere praticamente tutto ciò che un calciatore può portare a casa con la maglia di un club. Trofei su trofei, record su record, la storia di John Terry è una di quelle favole che ogni tifoso del club londinese racconta ai propri figli prima di augurargli la buonanotte. Certo, tra i tanti alti non sono mancati i bassi, sia dentro che fuori dal campo. La fotografia del clamoroso errore dal dischetto in quella maledetta finale di Champions League contro il Manchester United è ancora impressa dentro il cuore e la testa di tutti i tifosi Blues, nonostante poi quel trofeo sia comunque arrivato qualche anno dopo.

Poco importa però perché sin dai giorni successivi alla partita i compagni di squadra lo definirono “Mr. Chelsea”, per quanto aveva dato e per come aveva trascinato in quell’annata la sua squadra. Del resto una giornata storta in una vita di soddisfazioni capita a tutti, anche se si tratta di una delle giornate più importanti della carriera di un calciatore.

La vita privata poi ha sempre avuto uno strano modo di intrecciarsi con la sua carriera, basti pensare ad esempio allo scandalo legato alla relazione extra-coniugale con l’ex fidanzata del suo amico e compagno di squadra Wayne Bridge.

John Terry è anche questo. Mai banale, presente sia sul campo di gioco che fuori. ‘Padre Inglese dell’Anno’ nel 2009 e al centro del gossip l’anno dopo. Del resto se con la sua autobiografia ha incassato più di un milione di sterline qualcosa vorrà pure dire. Di certo però fedele lo è sempre stato nei confronti di quella donna a cui si legò quasi 20 anni fa, con l’innocenza di un giovane ragazzo che non può sapere ancora cosa gli riserverà il futuro, e a cui anche in questi giorni ha rinnovato la propria promessa d’amore, con la consapevolezza di un uomo che sa cosa gli ha donato il passato. Una promessa sussurrata sotto voce dopo trattative, dubbi e perplessità ma che alla fine è arrivata, come nelle più belle e nelle più vere storie d’amore. Non per nulla si parla di “Mr.Chelsea”.

 

Articolo di: Alessio Nicotra

Inviateci le vostre storie all’indirizzo info@chiamarsibomber.com

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy