Le Belle Favole del Calcio

Le Belle Favole del Calcio

Ci sono giocatori che da giovani sembrano promettere faville, ma poi finiscono per perdersi per i più strani motivi… Ci sono giocatori che non hanno una carri…

Ci sono giocatori che da giovani sembrano promettere faville, ma poi finiscono per perdersi per i più strani motivi…
Ci sono giocatori che non hanno una carriera brillante, ma fanno parlare di sè per avventure epiche o al limite dell’inenarrabile…
Ci sono giocatori che arrivano in Italia (o in un grande campionato) con una nomea di “top player”, salvo essere rispediti a casa a calci per terminare mestamente la loro carriera…
Noi loro, questi giocatori, li chiamiamo BOMBERONI

Savio Nsereko: calciatore ugandese, naturalizzato tedesco. Carriera folgorante la sua…promette bene, anzi benissimo al Brescia a 17 anni. Si interessa a lui la Juve, ma poi finisce in Premier League al West Ham. Nel 2012, dopo aver fallito in altre piazze (Bologna, 2 presenze, Monaco 1860 0, Fiorentina 0, Vaslui 0) divenne protagonista di una “mega bomberata” in Thailandia: fa perdere le sue tracce, finge un rapimento per avere soldi dalla famiglia (25 mila euro) che invece servono per pagarsi due prostitute. Unterhaching, Viktoria Colonia, Hapoel Hakko e ora il club kazako del Atyrau Futbol Kluby. IMMENSO.

Ousmane Dramè: si fa le ossa tra Padova e Ascoli e arriva a Lecce nel 2013. Il 22 aprile dopo un paio di presenze è protagonista anche lui di un’avventura “a luci rosse”. Da esperto del mestiere, propone un affare ad una prostituta: il suo smartphone in cambio di una prestazione sessuale. A cose fatte decide di riprenderglielo, ma viene inseguito da un trans che vuole vendicare la collega. Risultato: i carabinieri arrivano a sedare la rissa. Inspigabilmente dopo 5 presenze con l’Unione Venezia, lo compra lo Sporting Lisbona che gli fa firmare la clausola di rescissione a 45 milioni di euro. A proposito di affari…

Marcos André Batista Santos meglio noto ai più come Vampeta: il suo soprannome è un mix tra le parole Diavolo e Vampiro. Lui invece, quando si presenta a Milano (sponda Inter), risulta un misto tra un oggetto misterioso e una calamita attira bestemmie. Un gol (nella Supercoppa Italiana) e otto indimenticabili presenze in nerazzurro poi un via vai di squadre pure blasonate che cercano di dargli nuove possibilità…Niente lui scelse un altro modo per far parlare di sè: la prima cosa che dice Wikipedia sul suo conto: È conosciuto per esser stato il primo calciatore brasiliano che ha posato totalmente nudo per rivista gay G-Magazine, nel 1999.[1][2]

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy