BOMBER NEWS – “L’incubo di Zlatan? Non essere il più forte al mondo”

BOMBER NEWS – “L’incubo di Zlatan? Non essere il più forte al mondo”

Anche Zlatan Ibrahimovic è un essere umano. Ebbene sì, perché anche quel marcantonio di Zlatan nasconde paure e timori come tutti noi comuni mortali. Vi chiederete cosa potrà mai scalfire la corazza di onnipotenza che ricopre l’attaccante svedese. Perdere qualche caro? E’ una paura comune. Non raggiungere i propri obiettivi? Non scherziamo. Lo svedese ha avuto semplicemente paura di non essere il più forte di tutti.

A rivelare questa curiosa indiscrezione è stato Adrian Mutu alla testata romena Costin Desliu. L’attaccante 36 enne, attualmente in forza agli indiani del Pune City ed ex compagno di squadra di Ibra ai tempi della Juve nel 2005-06, racconta un aneddoto risalente ai tempi in cui i due attaccanti condividevano la camera d’albergo.

Il passaggio più singolare dell’intervista riguarda gli “incubi” di Ibrahimovic. “Zlatan è il migliore. Quando eravamo compagni di squadra alla Juve – racconta Mutu – spesso dormivamo nella stessa camera dopo le partite. Una volta, nel cuore della notte, si è svegliato e, agitato, si è messo a urlare: ‘Adi, sveglia! Ho avuto un incubo. Ho sognato che Ronaldo era più forte di me!’. Ho cercato di tranquillizzarlo ed è riuscito a riaddormentarsi solo quando gli ho detto: ‘No, Zlatan, no! Tu sei il migliore al mondo. Calmati…”.

Ora, nessuno vuole mettere in dubbio le parole dell’attaccante rumeno ma la Bibbia cita testualmente: “il settimo giorno Dio si riposò”. Non “il settimo giorno Dio si riposò ed ebbe gli incubi”. Vi invito di conseguenza a pregare insieme per il povero Adrian, che ha osato dichiarare falsa testimonianza.

Nel nome del Padre, del Figlio e di Zlatan Ibrahimovic.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy