BOMBER NEWS – Le richieste di Gervinho all’ Al Jazira

BOMBER NEWS – Le richieste di Gervinho all’ Al Jazira

È un momento delicato per il mercato della Roma: prima l’affare Bacca sfumato, poi la trattativa Destro al Monaco mai andata in porto, e ora la questione Gervin…

È un momento delicato per il mercato della Roma: prima l’affare Bacca sfumato, poi la trattativa Destro al Monaco mai andata in porto, e ora la questione Gervinho. La società, nei limiti del Fair play finanziario, può chiudere al massimo con una perdita netta d’esercizio complessiva di 30 milioni di euro entro il 30 giugno 2016. Da Trigoria fanno sapere di essere già al di sotto di quota 30. Insomma, piove sul bagnato.
Alla base dell’ennesima trattativa saltata in questa sessione estiva ci sarebbero le assurde pretese di Gervinho: un elicottero fisso a disposizione, una spiaggia privata, una sistemazione adeguata per la famiglia allargata (con la quale non tiene un rapporto così idilliaco…), un numero imprecisato di biglietti aerei per raggiungere la Costa d’Avorio.
Tutte richieste che l’Al Jazira, squadra pronta a firmare un assegno da 14 milioni per il cartellino dell’ivoriano, ha ritenuto assurde, nonostante avesse appositamente liberato un posto tra i giocatori stranieri tesserabili. 14 milioni sono anche il numero di imprecazioni che deve avere lanciato al cielo la dirigenza giallorossa, trovandosi costretta a convocare il giocatore per il ritiro del 5 luglio. Meno soldi in cassa e un giocatore al momento irrintracciabile.
Dopo una serie di elucubrazioni mentali che neanche l’illustre Professore dell’Università di Malta Guglielmo Stendardo saprebbe argomentare, solo noi in esclusiva siamo giunti a conoscenza delle reali motivazioni che sottostanno alle megalomani richieste del giocatore al momento del suo trasferimento: Gervinho vorrebbe semplicemente continuare a far parte della nostra famiglia con i suoi #sobrietàtime. Continua così’ bomberone!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy