Caro pallon’, la lettera di Di Natale al calcio

Caro pallon’, la lettera di Di Natale al calcio

“Caro Pallon’,

Del primo moment’ c’agg’ miss’ o calzetton’ e pat’m, m’aggio cominciat’ a immagginar’ golli vincenti al San Paolo, agg’ capit che pazziavo pettè! Un amore accussì fort’ che t’agg dato tutto, le tibbie, gli accident’ all’arbitro e i chili di ggel ca m’agg miss in tutti sti anni. Da guaglioncello ‘e 6 anni n’aggia mai visto la fine de chistu tunnel, però agg fatto tanti tunnel a Bertotto in allenament.

Agg’ corso. Maronn quant agg’ corso. Con Tavano e Esposito all’Empoli e pure co’ Jancker a Uddine. Che giocator’emmerd. Agg’ fatto tutto pettè! Pure ascolta’ a Stramaccione e e’ sue stronzate. Hai dato a un guaglioncello ‘e 6 anni la fortuna di giocà con la Nazional, anche s’agg’ sbagliat o rigore. Chillu curnut e’ Casillas. Però anche la fortuna di giocà pel president Pozz e Don Francesco.

Chesta stagion è tutto chello ca’ me rimane ra dare. a’ mia mente puo gestìr a’ routinè ma e’ mie palle nun possono reggèr a’ Colantuòn. song prontò a lasciàrt andarè. tànt c’è chillu tamàrr e’ Thereaù. sàrò sempe chillu uagliuncello ca’ si tirà su e’ calzettonì, sputa, e a’ butta dentro.

5…4…3…2…1…ca’ cazzo dicò. nun ci song e’ secònd finalì into calcio.

Totò”

 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy