Bomber Marcus Willis. Il Vardy di Wimbledon

Marcus Willis è un maestro inglese di tennis, con una ragazza coi fiocchi, e un’esuberanza da vero Bomber. Questa esuberanza, forse, ne ha compromesso la carriera da professionista. Ieri, però, ha vissuto la sua favola.

Con l’Inghilterra in un momento davvero di Merkel, un eroe doveva arrivare a salvare l’umore dei sudditi. Data la delicatezza della circostanza, non poteva trattarsi di un eroe convenzionale.

E non è in effetti molto canonico il profilo di Marcus Willis, 25enne britannico con la stazza da centravanti di terza categoria e il sorriso contagioso. Willis è un vero e proprio Bomber, e la sua storia non lascia dubbi in merito. A livello Juniores era tra i primissimi a livello mondiale. Poi, anche a causa delle sue abitudini non proprio da atleta modello, si è via via perso.

A fare il professionista ci ha anche provato, rimediando più debiti che soddisfazioni. Cosa fare dunque se il tennis è la tua vita, ma non puoi esibirti al massimo livello? Insegnarlo alla gente. Nato nei sobborghi meno nobili di Londra, Marcus si rassegna a una vita da campione mancato, in qualche circolo sperduto. Qualche rimpianto e nessun acuto.

Come spesso diciamo, però, dietro a un grande Bomber c’è sempre una grande Baomberina. Anche questa storia non fa eccezione. Quando Marcus, che fuori dal campo ci sa fare (vedere la ragazza per credere), conosce Jennifer, dentista separata con due figli, scatta la scintilla.

Come nell’hollywoodiano Tin Cup di Kevin Costner, Willis ci riprova, spinto dalla biondissima e splendida fidanzata. Ovviamente qui non siamo al cinema, ma ciò che è successo in questi giorni è una sorta di miracolo. Da numero 775 del mondo, sfrutta il forfait di un collega per le pre-qualificazioni a Wimbledon 2016, e comincia speranzoso la grande sfida.

Dopo sei durissimi incontri Marcus ce la fa. Contro ogni pronostico avrà il suo momento di gloria. E quando il destino ci si mette sa essere anche dolce. Il tabellone, al secondo turno, lo pone dinnanzi alla leggenda Roger Federer, suo autentico idolo.

L’incontro, ovviamente senza storia, è ricco di emozione e divertimento. Il ragazzone dei sobborghi si diverte, diverte il pubblico in estasi, e diverte anche il grande Roger. Vince 7 game, gioca pochi punti vincenti, ma è già l’eroe del torneo. In una sola pazza settimana scala più di 400 posizioni nella classifica mondiale.

Per Marcus Willis, Bomber che una volta si tracannò una bibita e scofanò uno Snickers durante un cambio campo, il sogno si è avverato. Il Vardy di Wimbledon, anche se il conto corrente non recita le stesse cifre, è per distacco il Bomberone del momento.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy