Gioventù bruciata: Che fine ha fatto Adnan Januzaj?

Il delicato momento del baby fenomeno Donnarumma e dell’ex bimbo prodigio Paulo Dybala ci hanno fatto pensare a un ragazzo talentuosissimo che, nonostante l’ancor giovane età, pare aver smarrito un po’ la strada. Quando nel 2013 si affacciò improvvisamente alla ribalta del calcio internazionale il suo destino sembrava segnato.

Il verdetto diceva: futuro campione. Comincia l’avventura allo United nel 2013, a 18 anni, alternandosi o affiancando un certo Ryan Giggs, giunto all’ultima stagione da giocatore. Fantasista, ma capace di giocare benissimo da centrocampista e soprattutto ala, dotata di eleganza e uno straordinario mancino naturale Januzaj è l’erede designato proprio del gallese.

Una tale investitura può esser dura da sopportare (Gigio e Paulo insegnano) ma all’inizio Adnan vola sulle ali dell’entusiasmo e del suo naturale talento. Vola sul campo anche in virtù del suo elastico e leggero fisico, dispensando giocate d’intelligenza e tecnica. Segna anche i primi gol, e sono tutti di straordinaria fattura.

Poi, leggero com’era arrivato, si perde. Nell’estate 2014 riceve la numero 11 di Giggs e comincia forte la stagione, con il sostegno del nuovo tecnico Van Gaal. il progetto dell’olandese però si rivela confusionario, e il giovane belga di origini albanesi ne fa le spese. Via via la personalità che pareva sgorgare fluida dai piedi e dalla mente del ragazzo cessa di essere erogata.

janugiggs

Non succede nulla di particolare nel percorso di Adnan. Semplicemente diventa sempre meno sicuro, e sempre meno incisivo, fino a risultare evanescente. Prova senza successo a risollevarsi con il prestito al Borussia Dortmund, Club noto per la valorizzazione dei giovani talenti. Rientra quasi subito allo United, e tenta una nuova rinascita al Sunderland. Nonostante la dimensione della squadra sembri perfetta per far emergere il suo superiore tasso tecnico, la scintilla non scocca nemmeno qui. Januzaj sembra irrimediabilmente incastrato nel tunnel dell’involuzione.

A 22 anni può essere già finita? ovviamente no. Quest’anno Adnan sta tentando l’ennesimo rilancio nella Liga spagnola. La sempre interessante Real Sociedad gli ha voluto dare una chance e, pur con evidenti pause, qualche fiammata è tornata a vedersi (2 gol in 9 partite). Tanto che, osservando qualche sua recente giocata spagnola, qualcuno in casa Red Devils pare cominci a pentirsi della sua partenza.

Non è facile salire in vetta, si dice, ma restarci è certamente più difficile. Januzaj, così come i due sopracitati, hanno ancora tutto il tempo per capire che un talento come il loro passa una volta ogni tanto, e non va sprecato. Il fuoco che lo brucia non è eterno.

GUARDA ANCHE:

TUTTI I MATTI DI FOOTBALL MANAGER

FIGA TIME: SUPER SVITOLINA. MAI UNA TENNISTA COSÌ HOT

L’UMILE UNITED. MKHITARIAN A IBRA: “SONO IO IL VERO DIO”

0 Commenti

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy