Graziano non dà la mano.

Graziano Pellè, nonostante sia un giocatore normale, continua ad avere atteggiamenti da primadonna nocivi per il gruppo dell’Italia.

L’aspetto sportivo di Italia-Spagna ha francamente evidenziato null’altro che i timori di chiunque. Una Nazionale che si difende nella speranza di non prenderle e che le prende uguale. Poi il comeback, il pareggio e una Roja che si chiude impaurita. Un pareggio tutto sommato giusto, che non fa gridare allo scandalo per via di papere e rigori.

L’highlight principale è realmente un altro. Graziano Pellè, sostituito per far spazio ad Immobile dopo una partita da ectoplasma, non stringe la mano a Ventura, ignorandolo palesemente. Un gesto fin troppo frequente nel mondo del calcio, che però resta irrispettoso. E che assume un significato particolare quando a farlo è un giocatore che di certo non si può definire un fuoriclasse.

Graziano Pellè

E’ possibile che, con questo episodio, la carriera in Nazionale di Pellè possa anche concludersi. Il giocatore non è stato giustamente convocato per la gara contro la Macedonia di domenica. E ancora una volta Pellè si fa pubblicità in maniera non proprio eccelsa. Sbagliare un rigore fa parte del mondo pallonaro e, come si dice in questi casi, “ci può stare”. Quello che non ci sta è la mancanza di rispetto verso un allenatore e un gruppo che, obiettivamente, l’attaccante pugliese è già fortunato a frequentare.

L’età, le qualità buone ma non eccelse, l’esplosione di Belotti e il fatto di giocare in un campionato decisamente poco competitivo basterebbero ampiamente come ragioni per salutare l’ex punta di AZ Alkmaar e Southampton. Da alcuni considerato un po’ troppo sbruffone e sicuro dei propri mezzi, da altri messo in discussione dopo qualche stagione positiva ma sempre lontano dall’Italia, Pellè è ormai uno dei giocatori più discussi dell’ultimo anno. E pensare che, a conti fatti, sarebbe bastata una stretta di mano per far pace ed evitare polemiche che fanno male a tutti. Soprattutto a Graziano Pellè.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy