Hall of Figa Special: La sfilata della Ferillona nel 2001

Non fu nudo vero e proprio, ma piacque comunque una cifra. La promessa di una devastante Sabrina Ferilli mosse il cuore di milioni di Bomber all’inizio del millennio.

Dalle prestazioni post-elettorali promesse da Madonna, e da poco riprese in salsa tricolore da una ruspante emulatrice, a diversi proclami legati a pronostici sportivi. La femmina da sempre provoca e intriga il maschio allupato, incentivandolo a desiderare, ancor più del lecito, la realizzazione di un evento.

“Se la squadra x vince la competizione y, tiro fuori le z.” Questa, più o meno, è la formula magica che spinge sbavanti tifosi o solo semplici appassionati a pregare perché le cose vadano a finire come auspicato dalla fanciulla di turno.

In questo “Special” della Hall of Figa di Chiamarsi Bomber, abbiamo voluto scegliere la promessa mantenuta (in parte) più celebre del nostro campionato. Correva la stagione calcistica 2000-01, e una Roma toccata nel vivo dal fresco tricolore della Lazio, e dalle fresche mozzarelle di Anna Falchi esibite all’Olimpico, si preparava a rispondere con l’aiuto di un neoarrivato Bati-Gol.

La squadra era certamente molto forte, ma la pressione di un ambiente caldissimo ancor più pesante. Questa particolare atmosfera attorno ai giallorossi, mista al desiderio di rivalsa nei confronti dei biancocelesti, portò la più nota e notevole “lupacchiotta” al proclama definitivo.

Più forte di ogni scaramanzia, la procace Ferillona tuonò: se la Roma vince lo scudetto, mi spoglio”. A quel punto il destino era segnato, e nulla si poté più frapporre tra noi e le grazie di Sabrina.

Alla cerimonia per lo Scudetto al Circo Massimo non fu, ovviamente, nudo integrale. Per la forma dell’allora straripante Ferilli, ed un web molto differente rispetto a oggi, fu comunque emozionante. Rivediamocela!

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy