I gemelli del “fuori”. Edin sulle orme di Patrick Kluivert

C’è una sinistra somiglianza tra la stagione di debutto in Italia di Edin Dzeko e quella, poi l’unica, di Patrick Kluivert. Il comune denominatore? Buttarla fuori.

Patrick era un ventenne dal futuro assicurato e dal presente già roseo. Poco tempo prima di approdare al Milan, nel 1997, aveva segnato con l’Ajax il gol decisivo nella finale di Coppa Campioni proprio contro i rossoneri.

Edin è arrivato in Italia con un curriculum già lunghissimo. Trentenne, con alle spalle le reti dell’esplosione al Wolfsburg e una solida avventura al City, è anche capocannoniere all time della Nazionale bosniaca con 46 gol.

Eppure, nonostante ci siano 10 anni di differenza rispetto al momento dell’approdo in Serie A e ne siano passati 20 da un’avventura all’altra, le due stagioni sembrano ricalcate con la carta carbone.

Due prime punte di peso ma eleganti, straordinarie nel gioco aereo e inarrestabili quando trovano spazio all’interno dell’area. Tiro potentissimo e raffinato senso del gol completano l’arsenale offensivo di questi due Bomber.

A Milano e Roma li attendevano come i messia del gol. Hanno imparato a conoscerli come i profeti delle “mani tra i capelli”. Patrick è stato salutato dopo pochi mesi. Diamo un’altra possibilità a Bomber Edin! Nel video vi mostriamo come i sintomi siano incontrovertibili. La “Kluivertite” ha colpito Dzeko. Dobbiamo stargli vicini.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy