Il passaggio su rigore: Bomberata o richiesta di percosse?

Ieri Messi, dal dischetto, ha passato il pallone a Suarez invece di concludere. Come al solito c’è chi ha visto la cosa come un colpo di classe e chi come un chiara richiesta masochista dell’argentino. Il Bomber che ne pensa?

Il passaggio da calcio di rigore è il corrispettivo calcistico della donna che ti invita a casa sua e non te la dà. Come nel caso dell’invito, il portiere chiamato a respingere un calcio di rigore, instaura una fulminea relazione personale con il tiratore.

Questa relazione, come tutte, ha delle regole precise. Se il portiere provoca, verosimilmente il tiratore spedirà un siluro in rete e poi lo sfotterà. Se il tiratore azzarda il cucchiaio, invece, conosce già la sterminata varietà linguistica degli insulti che si andrà a pigliare in caso di cilecca. Se il tiratore, ancora una volta, decide di fintare a pochi centimetri dal dischetto, fermando repentinamente la rincorsa, può star certo che il 48 del portiere sarà il suo prossimo tatuaggio.

Non si chiede di condividere questi piccoli dettami, poiché fanno parte della natura stessa del calcio di rigore. Se invece il tiratore passa il pallone, oltre a chiamare a gran voce la “perculata”, decide di tradire le aspettative del portiere che rimane, per non voler essere volgari, decisamente deluso.

In più, un comportamento di questo genere rischia di allargare la questione al resto dei compagni del suddetto portiere che, comprensibilmente, possono pensare la presa per il culo sia estesa anche a loro e agire di conseguenza affilando i tacchetti.

Al di là degli episodi visti in campionati ridicoli, i due “rigori passati” più famosi nella storia sono due: Il primo vide come protagonista Joan Cruijff che riuscì nell’impresa, ai tempi del glorioso Ajax, d’introdurre l’ennesima novità nel calcio. Il secondo fu la figura da cioccolataio di Pires che, in una partita di Premier col City, ciccò miseramente il pallone nel tentativo di servire Henry e finì col coprirsi di ridicolo.

Ieri sera Messi, che di certo non ha bisogno di sciocchezze per farsi notare, ha passato il pallone a Suarez dal dischetto a partita abbondantemente risolta, permettendo al numero 9 di battere il portiere del Celta da pochi passi. Classe o inutile provocazione?

In definita, voi Bomber che ne pensate? Passare a un compagno su calcio di rigore è un’espressione di genialità o la scusa per farsi demolire le tibie?

 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy