Il “rapporto Andriy”. Quando il Milan scoprì Sheva…

Sheva compie oggi 41 anni. Per l’occasione vi mostriamo il rapporto stilato dall’osservatore rossonero Italo Galbiati nel 1997. Il resto è storia…

C’è sempre un momento nel quale l’amore comincia. In molti casi però, a distanza di anni, è difficile ricordare con precisione la scintilla che ha dato anima all’incendio.

Non è questo il caso della rovente storia d’amore tra Andriy Shevchenko, proprio oggi 41enne, e il Milan. L’icona rossonera per eccellenza a cavallo dei due millenni, ha folgorato gli occhi e le menti degli addetti ai lavori rossoneri nella serata catalana del 5 novembre 1997.

In poco più di mezz’ora, nel primo tempo, Sheva mette a segno una tripletta che stende i padroni di casa e ammutolisce il Camp Nou. Qui, tra gli attoniti sostenitori blaugrana, siede Italo Galbiati, storico assistente di fiducia di Fabio Capello, allora sulla panchina del Milan per la terza sfortunata avventura in rossonero.

Galbiati, chiamato a stilare un rapporto sul giovane talento ucraino, non ha dubbi. Quel che mette nero su bianco rispecchia perfettamente ciò che vedremo nei successivi dieci anni sui campi di Serie A. La valutazione recita:

“Giocatore fortissimo fisicamente , veloce, rapido nel dribbling. È in possesso di fantasia, calcia bene con entrambi i piedi, fa gol. Forte nel gioco di testa. Gioca su tutto il fronte d’attacco, sa chiamare la profondità come pochi giocatori. Considerando la giovane età sono rimasto impressionato per la sua facilità di gioco. È un giocatore emergente.

Superfluo aggiungere altro: È DA MILAN” 

rapporto

Sheva arriverà due anni più tardi alla corte del Milan di Zaccheroni, diventerà il secondo marcatore rossonero di tutti i tempi, vincerà il Pallone d’oro nel 2004, e segnerà un’epoca.

Tutto cominciò con questo telegrafico e conciso rapporto. Una sorta di reliquia per i tifosi rossoneri di tutto il mondo.

GUARDA ANCHE:

RAMI, PAMELA ANDERSON E IL TERZO INCOMODO

MAMMA CHE ALICA! L’ATLETA PIÙ HOT DEL GLOBO

UN EROE DI NOME OLIVER KRAGL

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy