Il vero Bomber arriva! Presto o Vardy…

C’è chi nasce “imparato” e chi si deve fare il culo a capanna. Lo sappiamo, così va la vita. Alcuni, a 17 anni, si trovano circondati da scout, agenti, esperti d’immagine e guru del marketing. Altri arrivano al campo d’allenamento ancora sporchi d’olio perché hanno appena cambiato 6 carburatori e 18 marmitte in officina.

Il talento come la fortuna, alle volte, gioca a nascondino. Si mostra tardi e non paga subito i suoi dividendi. Soprattutto se per vivere non puoi aspettare. Se ti trovi in realtà così “standardizzate” nelle quali sognare appare difficile e aggrapparsi alla realtà, invece, molto più sensato.

In Inghilterra c’è un ragazzo che sta scrivendo la sua personalissima storia. Jamie Vardy sta ottenendo, all’alba dei 29 anni, quello che non pensava di poter raccogliere mai. Perché lui è nato e cresciuto in una città dove si lavora duro in fabbrica, e gli eroi del prato verde li si guarda al pub dopo il turno.

Fino a poco tempo fa Jamie era il più forte calciatore-operaio della periferia di Sheffield; Non è male, ma il professionismo sembrava un altro mondo. Tanta energia da buttare sul lavoro e sul campo, senza risparmiarsi. Un addestramento alla vita che ti porta a non lasciare nulla per strada e a giocare sempre con l’ardore di chi vuole dimostrare e la gioia di chi si guadagna il diritto di fare ciò che più gli piace.

Questa storia, pensandoci bene, è identica a quella di uno dei nostri Bomber più amati. Stesse origini, stesso sogno. Togli Sheffield e metti Terni. L’acciaio e una radicata cultura operaia come punto d’incontro. Dall’altra parte del filo c’è Riccardo Zampagna. Lui, per vivere giocando a calcio, faceva il tappezziere. Suo padre,  però, e chissà quanti amici vivevano di Ternana e fatica in acciaieria. La Serie A l’ha trovata a 30 anni, invecchiando sempre meglio come un buon Sangiovese.

E a pensarci davvero bene Vardy e Zampagna si somigliano tanto. Non fisicamente o tecnicamente; L’inglese è velocissimo e più tecnico. Ricky è stato un toro, tutto fisico e potenza, capace anche di magie fuori dal repertorio.

Sono gli occhi e il cuore a essere uguali. Le espressioni e la passione di chi è separato dalla sua gente solo da una transenna o da una fila di steward. Per il resto, al contrario di quasi tutti gli altri, la vicinanza è completa. La passione, la grinta e i valori sono gli stessi.

Jamie è una sorta di upgrade del sogno divenuto realtà di Riccardo Zampagna. L’umbro trovò come punto d’arrivo una rispettabilissima parabola in Serie A. Il britannico sta sfidando a suon di gol l’intero sistema milionario del campionato più ricco e cosmopolita del mondo.

Questo intreccio incredibile potrebbe essere materiale per un romanzo, oppure un film: Gol, amore e acciaieria. Una vera storia da Bomber.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy