Manuel non aver paura…

Domani sera dovrebbe debuttare con il Milan Manuel Locatelli. Centrocampista tecnico e longilineo classe 1998, Manuel vivrà un sogno a occhi aperti. Goditela Bomber!

Capita alle volte che la vita ci metta di fronte a sfide eccezionali. L’ambiente che ci circonda, magicamente, si modifica e diventa improvviso palcoscenico su misura per noi che, fino a un attimo prima, non ci aspettavamo nulla.

Questo è grossomodo quel che sta accadendo nelle ultime ore a Manuel Locatelli, centrocampista diciottenne della Primavera del Milan. La squadra di Mihajlovic dopo aver conquistato la qualificazione alla finale di coppa Italia, sembrava aver trovato un equilibrio accettabile almeno fino a fine stagione. Qualcosa poi è cambiato.

Nelle ultime settimane, soprattutto il centrocampo, con le conferme di Kucka e Honda, l’inserimento graduale di Bertolacci e il rientro di Montolivo, pareva incontrare un assetto definitivo. Nessun exploit, questo no, ma nemmeno una situazione d’emergenza che giustificasse soluzioni azzardate.

In questi giorni, dopo la brutta sconfitta con l’Atalanta, tutto è stato rimesso in discussione. La squadra va in ritiro e i componenti della rosa, nessuno escluso, vedono la propria posizione meno che mai sicura. In allenamento Mihajlovic prova di tutto, rimescola le carte, vuole che tutti tengano le antenne dritte per la Juventus. Inoltre, con Bertolacci squalificato, Montolivo si ferma per un risentimento muscolare.

Il buon Sinisa si guarda intorno e non vede in Jose Mauri e Poli due soluzioni adatte al momento. C’è bisogno di una scossa, di una scelta forte. Come quando, quest’estate, decise che contro il Real di Ronaldo sarebbe andato tra i pali un sedicenne. Quel giorno abbiamo scoperto Donnarumma. Domani, contro la Juventus a San Siro, potremmo scoprire Manuel Locatelli.

18 anni, come detto, vice-capitano della Primavera, punto forte dell’Under 19 e già aggregato in alcune occasioni alla prima squadra. Centrocampista tecnico e longilineo, è finito sul taccuino degli osservatori dell’Arsenal. Tifoso rossonero fin da bambino coronerà il suo sogno di giocare in rossonero. Tutto qui, per il momento non c’è altro. nessuna partita ufficiale, nemmeno uno spezzone.

Senza dietrofront dell’ultimo minuto, assisteremo a un vero e proprio battesimo del fuoco. A battagliare al centro del campo con Marchisio e Pogba ci sarà lui. Che dire se non “divertiti!”. Chissà quanti siamo a invidiarlo. Esordire a 18 anni a San Siro in Milan-Juve. Sembra più uno di quei sogni da banco di scuola che la realtà. Invece, come si diceva all’inizio, la vita può presentare occasioni ai limiti del vero.

Manuel non aver paura…potremmo dire parafrasando “Leva calcistica 1968” di De Gregori. Tu, che sei del 1998, pensa solo a goderti un’emozione splendida. Tutti i Bombers fanno il tifo per te!

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy