Mark Bresciano e la Mannequin Challenge

Su internet è ormai esplosa la mania del Mannequin Challenge. E la mente torna a chi davvero proponeva un’esultanza alternativa: Mark Bresciano

Da qualche giorno va molto di moda su internet e non solo il Mannequin Challenge, una sorta di sfida partita per gioco in cui bisogna stare fermi, per l’appunto, come manichini. Ovviamente, tra persone “normali” e vip, la cosa è ben presto dilagata, assumendo spesso contorni anche trash, volutamente o meno.

Inutile dire che tutto questo è arrivato anche nel mondo dello sport, più nello specifico soprattutto in quello del calcio. Svariate squadre hanno postato video del genere, in cui appunto i calciatori rimanevano immobilizzati in pose dalla diversa dinamica. Jamie Vardy, attaccante del Leicester e della Nazionale inglese, ha addirittura riprodotto il Mannequin Challenge in campo, esultando in questa maniera con i compagni dopo la rete siglata contro la Spagna. “Tutto molto bello”, come avrebbe detto il grande Bruno Pizzul. Peccato, però, che la cosa sia partita in realtà molto tempo fa. E in maniera molto più epica.

Bresciano

Ai più appassionati tutto ciò avrà infatti ricordato l’esultanza molto nota di Mark Bresciano. Il calciatore australiano, che ha giocato tra le altre con Parma e Palermo, era infatti solito proporre un’esultanza speciale dopo un gol: si fermava, praticamente immobile, a guardare i tifosi con una posa che ricordava quella di Eric Cantona. Lo stesso francese, infatti, molto spesso esultava con pochi movimenti, come volesse semplicemente palesare la sua evidente superiorità rispetto agli altri.

Bresciano è rimasto nell’immaginario collettivo soprattutto per la sua esultanza. Imitata, apprezzata e attesa, è ormai parte della storia e della carriera di questo calciatore, nonché dei ricordi di tantissimi tifosi in giro per l’Italia. Un’esultanza che, onestamente, doppia in velocità senza problemi quella riguardante questa nuova viralità nata sul web. Che farà sorridere, certo. Ma perde sicuramente d’importanza se paragonata ad un gesto così semplice quanto bello, affascinante ed iconico. Noi non tradiamo il passato: altro che Mannequin Challenge, meglio Mark Bresciano.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy