Minacciato di morte per questo autogol all’ultimo minuto

Tutto il mondo è paese: la storia non arriva dal Sud America, ma dalla fredda e glaciale Svezia.

Domenica si giocava AIK Solna – Halmstad. Sfida fondamentale per entrambe: gli ospiti in caso di sconfitta contro la capolista AIK sarebbero retrocessi. Quando la partita sembrava destinata ad un pareggio, ecco l’imprevisto: il difensore libanese dell’Halmstad Mohammed Ali Khan infila goffamente il pallone nella sua porta proprio nei minuti di recupero. E’ una sentenza, quell’autogol vale la retrocessione della sua squadra a due giornate dal termine del campionato. L’AIK Solna vince 1-0 e mantiene il primato.

Fosse successa una cosa così in Italia? Bé il 29enne libanese non avrebbe potuto circolare…ma non è molto diversa la reazione degli svedesi. Secondo la polizia locale, Khan avrebbe ricevuto minacce di morte “serie”. Non ha evidentemente impietosito il suo triste commento a caldo: “Mi scuso, è la mia prima autorete in carriera”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy