Tira più un pelo di Alice che un carro di Real

La figa sa essere persino più forte di un diritto di riscatto. Morata lo sa e medita di restare a Torino accanto alla sua bella Alice Campello.

La saggezza popolare non fallisce mai. Ciò che sembra spesso solo la testimonianza romanzata di un tempo passato, finisce sempre per realizzarsi in modo maledettamente concreto nella vita vera.

Cosa può dissuaderti dal giocare nel Real Madrid? Cosa può dissuaderti dal diventare l’oggetto del desiderio di mezza Premier e batter cassa per un ingaggio stratosferico? Cosa può semplicemente farti cambiare idea su qualsiasi cosa in meno di mezzo secondo? Bravi! La figa.

Nel calcio non si fanno eccezioni. Morata sta seriamente pensando di rimanere alla Juventus. Glielo ha chiesto il presidente, glielo ha consigliato tutta la dirigenza , lo ha implorato l’allenatore e non era successo niente. Alvaro voleva tornare a Madrid.

D’improvviso è bastato che la bella Alice spendesse una parola a riguardo per cambiare completamente le carte in tavola. Oggi Morata si incatenerebbe alla Mole fino a settembre pur di non lasciare la Juve. Magari l’estate cambierà le cose. Anche perché di distrazioni in giro ce n’è in abbondanza.

Per il momento, comunque, constatiamo questo dato: tira più un pelo di Alice che un carro di Real.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy