Un eroe di nome Oliver Kragl

Non è il Bomber che ci meritiamo, ma è quello di cui abbiamo bisogno. Dalla B austriaca fino ai nostri cuori, un solo nome: Oliver Kragl.

Come spesso mettiamo in luce, è troppo facile prendere ispirazione da campioni super affermati come Ronaldo o Messi. Oltre a farsi il culo più degli altri per mantenere quella malsana ossessione del primato, questi matti sono stati dotati da Madre Natura di un talento innato che, per questo, non ha senso invidiare.

Saremo mai dei Rocco Siffredi? No. Potremo ogni mattina sbirciare nelle mutande nella speranza di un regalo della provvidenza, ma ciò non accadrà mai. Dovremo fare del nostro meglio con quel che abbiamo in dotazione.

Per questo uno dei nostri massimi ispiratori è un ragazzone tedesco che, sbarcato in Serie A quasi per caso, sta vivendo il sogno del calciatore italiano. Vincere campionati e coppe? Ovviamente no. Stare con una prosperosa showgirl, giocare alla Play, andare al McDonald’s e fare panchina al Crotone? Sì, ora ci siamo.

kragl1

Lui è Oliver Kragl, terzino-centrocampista di Wolsfburg sbarcato al Frosinone nel 2016 dopo un avvio di carriera speso nelle serie minori tedesche e nella Serie B austriaca. E proprio dagli austriaci del Ried, è arrivato in Ciociaria per 175.000 Euro.

Da un anno mezzo l’Italia è la sua casa. Qualche mese in A, con un gran gol al Milan, poi la retrocessione e una solida stagione in B che gli è valsa, quest’estate, la chiamata del Crotone e il ritorno alla massima serie. In quei mesi di Frosinone è arrivato un importante traguardo personale. Oliver, probabilmente pur non ferratissimo con l’italiano, ha “acchiappato” la ciociara di Avanti un altro Alessia Macari, con una giocata d’indubbio talento.

A giudicare dai post pubblicati da lei sui social, comunque, il loro rapporto non si basa sulla discussione del metodo socratico o della teoria dei giochi di Nash. E deve anche aver fatto una bella fatica il nostro eroe a sopportare la suadente voce della nuova compagna. In fondo però, a chiare irritanti espressioni vocali, corrispondono altrettanto palesi doti. Due, e belle grosse: simpatia, e spontaneità.

Sei il nostro eroe Oliver, perché non sei poi così diverso da noi. In te vediamo davvero la rivalsa del Bomber comune, capace con un sorriso, una missione a Call of Duty e un Big Mac, di scacciare anche le nubi più grigie.

Nicola fallo giocare! Abbiamo bisogno di bearci della sua luce.

GUARDA ANCHE:

LA IENA VINCENZO. SE TREMA MONTELLA, SI “TOCCA” SINISA

HIGHLANDER PAVEL. SENZA CALCIO NON SI PUÒ STAR

NEROVERDI THUG LIFE. ERAVAMO IL SASSUOLO AL BAR… CHIUSO

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy