Un Tedesco di Germania. Sarà il nostro Mourinho?

Il suo approdo allo Schalke lo avvicina ai primi Mourinho e Villas Boas, anch’essi molto giovani e senza un’esperienza da giocatori. Ma chi è Domenico Tedesco?

Non è facile da inquadrare questo Domenico Tedesco. Sul piano personale la sua esperienza è vicina a quella di tanti italiani andati in Germania a cercar fortuna. All’età di due anni si trasferisce infatti con la famiglia dalla sua Rossano, in provincia di Cosenza, a Stoccarda. Nel calcio, invece, ha già bruciato a 31 anni ogni genere di tappa a disposizione.

Una bella testa questo Domenico, senza alcun dubbio. Il pallone è certamente la sua passione, se non ossessione, ma anche non avesse sfondato, il futuro sarebbe comunque stato roseo. Prima di cominciare ad allenare seriamente, faceva l’ingegnere per la Mercedes. No, non proprio una brutta testa.

Il richiamo della panchina, del campo d’allenamento, dello studio del gioco è però decisamente troppo forte. Così, preso nel 2013 l’incarico di mister dell’U17 dello Stoccarda, Domenico Tedesco da Rossano decide che nella sua vita farà l’allenatore di calcio. Muove i primi passi allenando prima nelle varie selezioni Under dei biancorossi, la sua “nuova” casa, per poi trasferirsi due anni più tardi nella vicina Hoffeneim. Qui lavora nel settore giovanile di uno dei Club, al netto di un budget limitato e di una storia non di primo piano, più stimolanti dell’intero panorama europeo.

tedesco-sto

Le squadre giovanili a Hoffeneim non sono un semplice parcheggio per assistiti di procuratori amici, ma la vera e propria linfa vitale dell’intera organizzazione. Ed è proprio in questo contesto che l’ingegner Tedesco comincia a far lavorare la sua “capoccia” da iniziato del gioco.

E appena due anni dopo, il passaggio ai Pro non può che diventare realtà. l’Erzgebirge Aue, militante nella seconda serie tedesca, lo chiama nel gennaio di quest’anno per acciuffare una salvezza disperata. I numeri straordinari della fresca carriera di Domenico hanno impressionato i dirigenti in difficoltà, decisi a tentare questa strada a sorpresa.

La sorpresa, in effetti, funziona. Nelle prime quattro partite arrivano 10 punti, e alla fine della stagione la salvezza è realtà. Nel frattempo il precoce Tedesco deve anche, con rapidità, seguire il corso da Fußball-Lehrer (allenatore professionista), per poter allenare tra i professionisti. Un impegno gravoso per molti, ma non per questo ambizioso italiano abituato a macinare traguardi.

SpVgg Erkenschwick v FC Schalke 04 - Preseason Friendly

Il patentino sarà fondamentale soprattutto per far fronte a ciò che è divenuto ufficiale lo scorso 9 giugno. Domenico Tedesco è il nuovo allenatore di un’istituzione del calcio tedesco come Lo Schalke 04. Che ascesa incredibile. Il suo calcio equilibrato ma votato all’attacco, e le doti di umiltà e sacrificio profuse e richieste ai propri calciatori, hanno fatto breccia un’altra volta.

Ovviamente è superfluo sottolineare come faremo tutti il tifo per il nostro straordinario connazionale. Se poi si materializzasse un testa a testa al vertice tra lo 04 e il Bayern di Ancelotti, sarebbe fantastico. Italiani coraggiosi alla conquista della Germania, proprio come nel 2006.

GUARDA ANCHE:

CALCIO D’ESTATE, GOL DA MERAVIGLIA (VIDEO)

LETTERA DI RINGRAZIAMENTO A RONALDINHO

“MA QUANTO È BELLO GENNARO TROIANIELLO”

 

 

 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy