Wendell Lira, dalla disoccupazione al FIFA Ballon d’Or 2015

Commenta per primo!

Il Puskás Award è stato vinto da Wendell Lira che ha preceduto il nostro Florenzi e il cannibale Messi. Ma chi è Wendell Lira ? Il premio vinto ieri vale molto per il calciatore brasiliano. Non si tratta di una consacrazione a una carriera folgorante. No, il contrario. Per Wendell segna l’inizio della rinascita.

 

11 Marzo 2015

Serie D brasiliana, derby Goianesia-Atletico Goianiense.

Pallone alto da centro campo. Wendell si inserisce bene ma la palla è davvero difficile da controllare. Frazioni di secondi. Prova la cosa più difficile che perfino Bruce Lee si sarebbe ritrovato ricoverato in ortopedia con la colonna vertebrale svitata. Wendell ci prova: rovesciata assurda solo a pensarla e gol.

Lo stesso Wendell l’ha definito un mix tra “rovesciata” (secondo il modello 0 di Parola) e un colpo di kung fu.

Il video del suo gol piace. Diventa virale. Tutto il mondo lo vede.

Wendell cambia squadra poco dopo e sale di categoria: terza divisione brasiliana. Contratto con la Tombense. Ma qui la favola di interrompe. Quattro presenze, contratto rescisso e Wendell è disoccupato.

Ma chi se lo sarebbe aspettato che quella rete avrebbe fatto il giro del mondo quasi un anno dopo? Nel frattempo Wendell sale in terza divisione nella Tombense. Carriera in rampa di lancio? Macché, magari. Dopo solo quattro presenze il club decide di risolvere il contratto. Wendell è disoccupato.

La stessa situazione si era verificata anche quattro anni prima per l’attaccante brasiliano. Una carriera difficile fatta di luci e molte ombre.

“Ho pensato di lasciare il calcio almeno 500 volte. E’ stato molto difficile. Mi sono rotto due volte i legamenti del ginocchio e dopo la fine del contratto con il Goias sono rimasto senza squadra per tre mesi”

 All’improvviso un fulmine a ciel sereno. La FIFA, tra una mazzetta a Blatter e una a Platini, si è accorta del gol di Wendell. La sua rovesciata è stata inserita tra i candidati come gol più bello del 2015. A Wendell torna il sorriso e in poco tempo diventa il giocatore più amato in Brasile. Il suo Paese si stringe intorno al bomber della rovesciata impensabile e lancia l’hashtag #BoraVotarnoWendell. Ieri l’atto finale. 11 gennaio 2016, dieci mesi dopo quel gol pazzesco: Wendell Lira vince il Puskás Award. E’ suo il gol più bello del 2015.

Se ci fosse stato ancora Gaucci al Perugia di sicuro avremmo potuto vedere Wendell Lira in Serie A. Oggi come oggi possiamo solo sperare in un colpo di testa di Ferrero alla Samp. Speriamo!

Ora Wendell Lira gioca nel Vila Nova, club di Goiania appena promosso in Serie B brasiliana che gli ha offerto un contratto. Non sarà il Barcellona, ma per adesso va bene cosi. In un calcio tutto soldi, creste colorate e procuratori ciccioni, pare esserci ancora spazio per qualche favola.

BOMBER WENDELL LIRA

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy