WikiBomber: Ma Mingyu

Commenta per primo!

Numero 9 sulle spalle e mentalità da campione. Peccato che non abbia mai giocato una partita nemmeno a calcetto. Bomber Ma Mingyu era il talento calcistico cinese migliore degli anni 2000: secondo Luciano Gaucci. La storia andò diversamente.

Nome: Ma Mingyu (Chongqing, 4 febbraio 1972)

Citazioni (Vere o Presunte):

“Se Del Piero è stato soprannominato Pinturicchio, mi piacerebbe poter essere chiamato Michelangelo”

“Voglio far meglio di Nakata”

Biografia:

Stravagante acquisto del Perugia di bomber Luciano Gaucci. Ma Mingyu era arrivato in Italia dichiarando di avere 27 anni, ma fonti cinesi sostenevano che ne avesse almeno 30-32. Già basta per far entrare il centrocampista cinese nell’almanacco dei bomber senza apparenti meriti sportivi. Il fantasista cinese era soprannominato “Nonno” dai sui compagni di squadra del Perugia proprio perche non domostrava affatto 27 anni… oppure li portava male… sarà il fumo… mah, valle a sapere certe cose…

Torniamo alle sue mostruose skills calcistiche. Bomber Ma Mingyu era sbarcato dal campionato cinese alla Serie A nel 2000. Si trattava di un prestito per una stagione costato 1 miliardo di lire al patron Gaucci con eventuale riscatto fissato a 4 miliardi. Quei soldi Lucianone non li ha mai spesi per il mirabolante Ma Mingyu. Il bomberone, infatti, in un anno di Perigia ha collezionato 0 presenze, totalizzando quindi 0 gol e, se la matematica non è un’opinione, la sua media realizzativa fu un bel tondo ZERO.

Eppure il  patron Gaucci, segugio di talenti sopraffini (circa) era proprio convinto del suo acquisto: “Si tratta di un giocatore che ha delle grandi qualità e sul quale puntiamo molto per la prossima stagione. Lo abbiamo seguito a lungo e riteniamo che, per le sue caratteristiche fisiche e tecniche, possa integrarsi al meglio nella nostra squadra ed inserirsi con profitto nel campionato italiano”.

Diciamola come va detta, dall’Oriente Gaucci aveva pescato Nakata a casaccio. Il koreano Ahn e il cinese Ma Mingyu si sono rivelati due cagate pazzesche.

Il bomber cinese, infatti, non riuscì mai a esprimere il suo potenziale. Appena arrivato in Italia si dice che fu sorpreso di vedere che anche nel nostro paese esistevano i comunisti… Va beh… Poi, scelse di non imparare mai l’italiano perché lo riteneva troppo difficile e si faceva dirigere da mister Serse Cosmi a gesti. Uno in particolare doveva averlo capito benissimo: la direzione per la tribuna. Mai visto il campo manco per sbaglio.

Il povero Ma Mingyu passava le giornate a vedere DVD in cinese, parlare al telefono con la moglie Yue Tian che stava in Cina e basta. Il “Nonno” non si era integrato per niente. Meno ancora di Ahn, che per lo meno veniva insultato da Materazzi (vedi WikiBomber – Ahn).

A livello internazionale bomber Ma Mingyu ebbe il suo momento di gloria nel 2002. Capitano della Cina e registra arretrato: fu l’autore del primo tiro cinese della storia verso la porta della Selecao in un epico Brasile-Cina. Inutile dire che il Brasile vinse 4-0. Regia impeccabile a centrocampo di Ma Mingyu. Nel video gli highlights della partita. Setto o otto giocatori di quel Brasile adesso pesano 100 kg l’uno… ma questa è un’altra storia.

Il talentuoso cinese del Perugia concluse la sua avventura italiana al termine della stagione 2000-2001. Venne rispedito in Cina e non si seppe più nulla.

Noi non ti dimentichiamo “Nonno”: il primo bomber senza apparenti meriti sportivi della Cina. Respect.

Bomberate Storiche:

Data di nascita imprecisata

Palmares:

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy