Bentornata Serie A

E’ sabato. Lo capisco perché mi trovo sul divano di casa, anziché essere a lavoro, con l’immancabile compagno di ogni weekend: quel mal di testa post “bagordi” e quella sensazione di aver cambiato fuso orario stanotte.

E’ sabato e ora ricordo. Inizia finalmente il campionato. Pochi minuti e fermerò quel dannato zapping compulsivo che mi tormentava fino ad oggi. Ore e ore a cercare qualcosa in tv che potesse anche solo lontanamente ricordarmi una vera partita di pallone. Sì, vera. Non Milan – figli di impiegati del Sudtirol o Juve – Allievi dell’Oratorio di Pizzighettone. E nemmeno quei Inter-Real Madrid in Indonesia dove al 45° le squadre già non hanno più un titolare in campo e scopri una decina di nomi nuovi e gente che nemmeno pensavi facesse ancora parte della rosa della tua squadra del cuore.

E’ sabato 22 agosto e ora si fa sul serio. Non vedi l’ora di rivederti i cross in tribuna di Abate, i tiri fuori dallo stadio di Guarin, il solco sulla fascia di CR77. E ancora, visto che si parla di farsi del male, le schedine perse per un gol in fuorigioco al 94°, la tua coppia d’attacco al fantacalcio Lasagna-Maccarone che con voracità si mangia 10 gol a partita e quei dannati 25 euro (se va bene) spesi per andare allo stadio un sabato sera di dicembre con 7 gradi sotto zero per assistere ad un tristissimo e noiosissimo zero a zero.

Perché anche se ti fa piangere, ti fa arrabbiare, ti lascia senza forze o senza soldi non potrai mai fare a meno di lui. Non potrai mai smettere di amare il calcio Bentornato campionato, bentornata Serie A.


LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti