“Tagliati la barba o non giochi” “Me ne vado”

Pochi giorni fa in Francia è avvenuto qualcosa che noi bomber non approveremmo mai. Già il nostro logo parla chiaro: la barba è parte integrante del soggetto che riteniamo bomber (con o senza meriti sportivi).

Pochi giorni fa in Francia, Gael Givet, ex difensore di Monaco e Blackburn, si apprestava ad iniziare la stagione di Ligue 2 con la maglia dell’Evian. Ma qualcosa non gliel’ha permesso… “Tre giorni prima del mio esordio stagionale contro il Marsiglia, il presidente mi ha convocato nel suo ufficio. Pensavo a qualcosa di tecnico. Mai avrei pensato che mi chiedesse di tagliarmi la barba!”. Aggiunge poi il difensore che conta anche 12 presenze in nazionale coi Blues: “Il problema è che mi ero lasciato crescere la barba. Ho 33 anni e alla mia età non mi faccio trattare così. Mi hanno accusato di essere uno jihadista, ma nemmeno mi sono convertito all’Islam. Sono disgustato. Così ho deciso io di andare via”.

E hai tutto il nostro appoggio bomber.

Immagine Mosca…perdona loro perché non sanno quello che fanno.


LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti