Home » Kostas Manolas in “Il Brutto Conio”
News

Kostas Manolas in “Il Brutto Conio”

Sembrava tutto fatto per il passaggio di Manolas allo Zenit, ma al momento di effettuare le visite mediche a Roma il difensore non si è presentato. Cosa c’è dietro a questo ripensamento?

Pare che il motivo per cui il calciatore greco (unico del suo Paese a pensarla così, credo) abbia deciso di disertare l’appuntamento sia la valuta con la quale il Club russo dovrebbe riconoscergli gli emolumenti.

Sì, perché sull’entità dell’ingaggio non ci sono distanze. 4 milioni di euro per 4 anni è la cifra sulla quale entrambe le parti si sono accordate. I russi però, come ovvio che sia, non essendo nell’Euro-zona pagherebbero Manolas con circa 270 milioni di rubli a stagione.

Più intransigente e amante dell’Euro di Mario Draghi, Kostas ha detto no. Spiegateglielo che se lavori e vivi in Russia ti pagano con la moneta russa e non con quella che vuoi te, o quella che c’è a casa tua. Spiegategli poi che la valuta la puoi cambiare, e non è obbligato a comprarci solo Vodka, colbacchi, o automobili senza servosterzo con quei soldi.

Le ipotesi qui sono due: secondo la prima Manolas si è inventato una fregnaccia per rifiutare la destinazione russa, un po’ come quella che utilizzò Sheva per motivare il suo passaggio al Chelsea ormai una decina d’anni fa. I suoi figli dovevano a tutti i costi imparare l’inglese a Londra, in barba a tutti gli istituti per le lingue straniere presenti a Milano.

Seguendo la seconda ipotesi, Manolas deve aver da poco rivisto il trailer di Maccio Capatonda “Il Vecchio Conio”, dove Rupert Sciamenna frega i suoi creditori pagando il debito di gioco da “20mila”… in Lire.

Guarda Kostas, vai su Google e cerca “convertitore valuta”. Poi conta bene gli zeri, e se ci stai dentro e c’hai ancora voglia, salutaci il Mancio.

GUARDA ANCHE:

IL GIORNO DI PIOGGIA CHE CAMBIÒ IL CALCIO

FIGA TIME: BORINI IS BACK… INSIEME A ERIN

DIARIO DALLA RUSSIA: STADI NUOVI E BELLE RAGAZZE. ORA MANCHIAMO NOI

 

Scrivi un commento

Clicca qui per lasciare un commento