Il dramma di Avenatti: “Ho rischiato di morire”

Nel Bologna molto discontinuo ma comunque già praticamente salvo che in questa stagione si sta facendo rispettare in Serie A c’è una storia molto toccante e con un lieto fine: quella di Felipe Avenatti. Calciatore che negli anni scorsi aveva fatto molto bene in Serie B con la Ternana, l’uruguaiano è stato acquistato dal Bologna nello scorso mercato estivo. Le cose però si sono complicate, prendendo una piega inaspettata: al ragazzo, infatti, viene riscontrato un problema al cuore durante le visite mediche.

“Quando sono arrivato a Bologna mi sembrava un sogno”, ha spiegato Avenatti in un’intervista al Corriere dello Sport. “Poi ho fatto le visite mediche e ho capito che qualcosa non andava. Mi parlano di tachicardia, problemi al cuore, così resto fermo per un mese. Mi sottopongono a ulteriori accertamenti ma non capiscono di cosa si tratti. Inizio ad avere paura. Vado in America e un luminare mi dà l’ok. Era l’8 dicembre 2017 quando mi hanno dato l’idoneità. Quel giorno sono rinato”. Una gioia intensa, con un retroscena però molto pesante: “Ricordo quando mi chiamarono i medici a casa. Rispose mia moglie Jessica e le dissero che nel caso in cui uno specifico esame fosse risultato positivo, avrei avuto soltanto due mesi di vita. In caso contrario avrei vissuto una vita normale. Sono venuto a conoscenza di questo dialogo solo tempo dopo”.

Avenatti è però tornato a giocare da qualche settimana, precisamente dal mese di febbraio durante Bologna-Fiorentina, gara nella quale sostituì a partita in corso il centrocampista Andrea Poli. Fino ad ora ha collezionato 5 presenze con il Bologna e conta di realizzare molto presto la sua prima rete in Serie A e con la maglia dei felsinei. Il tutto dopo essersi lasciato alle spalle un’avventura negativa assolutamente da non ripetere, che stava rischiando di portargli via una carriera intera.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti