News 13 Apr, 2018 @ 1:05

Quel pirlone di Sergio Ramos…

A un passo dalla semifinale il difensore spagnolo si è letteralmente ritrovato a due gradini dalla squalifica più stupida. Pare che alla fine sia andato tutto bene. Anche se una...

By Elia Lavelli

Quel pirlone di Sergio Ramos…

Due o tre gradini potrebbero avergli salvato la semifinale, ma a conti fatti Sergio Ramos meriterebbe di vedersela da casa la prima partita del prossimo turno. La sua invadenza nei minuti finali del match con la Juve non è certo passata inosservata.

Sceso dal suo box nel Bernabeu, da dove osservava la partita, ha voluto vivere, più volte inquadrato, i minuti finali della discussa sfida dal campo. Peccato che la squalifica gli imponesse di non poter accedere al terreno di gioco. Per di più, il difensore spagnolo si è persino lasciato andare a un’accesa discussione con Allegri che così ha descritto il battibecco tra i due:

“La discussione con Ramos? Diceva che il rigore era claro, io gli ho risposto che era grigio.”

Ma di tutta questa esuberanza si è per forza di cose accorta la UEFA, rappresentata da due delegati posizionati nel tunnel vicino al terreno di gara. Uno di loro avrebbe persino avvertito l’ex Siviglia rispetto a una potenziale sanzione. Con quest’ultimo però, già in piena fibrillazione.

E quindi? Squalificato per l’andata della semifinale? Fino a prova e decisione contraria, Ramos sarebbe stato graziato per non aver salito gli ultimi due-tre gradini del tunnel. Un tratto poco chiaro del regolamento UEFA, che interviene per sanzionare solo nel caso in cui il giocatore squalificato abbia effettivamente calcato il livello del campo.

Per un cavillo te la sei scampata Sergio. Ma spuntasse una foto in cui ti allacci la scarpa poggiando la punta del piede sul prato, be’. Ci sarebbe parecchio da ridere.

GUARDA ANCHE:

BUFFON NON ROVINARE TUTTO

BERESZYNSKI PIATTO: “SAN PAOLO LO STADIO PIU’ BRUTTO MAI VISTO, E PURE SAN SIRO…”

RONALDO E LA ROVESCIATA DELLA VIGILIA. ALLA RICERCA DEL GESTO PERFETTO

 

 

, ,

By Elia Lavelli


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *