ASSEGNAZIONE DIRITTI TV CALCIO – Sky pigliatutto, Mediaset rosica. Ecco cosa cambia

 

Assegnazione diritti tv calcio
Il proprietario di Sky Rupert Murdoch

Si è definita ieri l’assegnazione diritti tv calcio: la spuntano Sky e Perform che si aggiudicano il triennio 2018-2021 della Serie A. Costo dell’operazione 973,3 milioni di euro medi all’anno. Altresì c’è una componente variabile in funzione anche della crescita del numero di abbonati al calcio dei broadcaster. Questa variabile può raggiungere 150 milioni di euro su base annua. Stando alla situazione attuale Sky trasmetterà il match clou della domenica sera e il posticipo del lunedì oltre a due partite del sabato (ore 15 e ore 18) e a tre della domenica (alle 15 e 18). Perform ha invece il pacchetto con la partita di mezzogiorno della domenica, una della domenica pomeriggio e l’anticipo del sabato sera.

In pratica, se le cose dovessero rimanere così, noi poveri malati di calcio dovremmo fare un doppio abbonamento per guardare tutte le partite. Tuttavia il presidente della Lega Serie A, Miccichè ha assicurato che sono “in corso trattative tra Sky e Perform per la ritrasmissione dei match di Serie A. Mi auguro che i tifosi italiani non siano costretti ad acquistare due abbonamenti per avere la possibilità di vedere tutto il calcio in tv”. Oltre alla Serie A, torna su Sky anche la Champions League per il prossimo triennio e viene confermata l’Europa League. E MEDIASET COSA FA?

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti