Home » Halldorsson, un esordio da film (con lieto fine)
News

Halldorsson, un esordio da film (con lieto fine)

HALLDORSSON FILM – Ormai da giorni, in Islanda come nel resto del mondo, il portiere della Nazionale islandese Hannes Halldorsson è diventato una sorta di eroe, se non di guru. Decisivo è stato infatti il suo apporto durante la gara d’esordio contro l’Argentina, nella quale ha parato un rigore decisivo a Messi, facendosi trovare pronto anche nei minuti successivi e nel finale di gara. Ovviamente il penalty neutralizzato a uno dei migliori calciatori mai esistiti ha portato Halldorsson a una sorta di elevazione spirituale. Ma la sua storia è ancor maggiormente pregna di significato ed esaltazione se si pensa che, come la maggior parte di tutti gli uomini coinvolti nella spedizione islandese al Mondiale, il portiere ha un altro lavoro. Un mestiere, peraltro, davvero affascinante, perché abbraccia il mondo del cinema e del videomaking.

Halldorsson, una vita da film

Halldorsson infatti in patria è già da tempo un famoso videomaker: possiede, ad esempio, un canale YouTube molto seguito in Islanda e c’era proprio lui dietro i vari video prodotti per l’avventura Mondiale dell’Islanda (che, ricordiamolo, partecipa a un campionato del mondo per la prima volta nella sua storia). Inoltre, come si può apprendere anche da Sportmediaset, Halldorsson ha dovuto affrontare in passato una malattia molto difficile, superandola però con grande applicazione: quella dell’obesità. Il portiere ha risolto i suoi problemi e rilanciato la sua carriera, con quella che probabilmente sarà la ciliegina sulla torta arrivata contro l’Albiceleste. Chissà che, un giorno, qualcuno non decida di fare l’Halldorsson, scrivendo e dirigendo un film proprio sulle gesta di questo estremo difensore così diverso da tanti altri e, al tempo stesso, così uguale a qualsiasi uomo con un sogno nel cassetto da realizzare.

GUARDA ANCHE:

Il CT di Panama: “Se passiamo butto giù due bottiglie di vodka d’un fiato”
Cattelan e Alciato giocheranno in Champions e no, non siamo ubriachi
Rapper coi guanti. La trap di Gollini è già leggenda

 

Scrivi un commento

Clicca qui per lasciare un commento