Home » Nel giorno del giudizio il Milan attacca l’Uefa. Ecco cosa succede
News

Nel giorno del giudizio il Milan attacca l’Uefa. Ecco cosa succede

Nell'udienza di Nyon per decidere il futuro europeo del Milan Fassone decide per la linea dura. Ora l'Europa League è appesa a un filo.

In queste ore il Milan è a confronto con la la camera giudicante dell’Uefa per presentare la propria difesa dopo la negazione del settlement agreement che ha messo a repentaglio le prospettive europee dei rossoneri.

Più che di una difesa però potremmo parlare di attacco, e anche rischioso. Secondo quanto riportato da Repubblica la delegazione del diavolo capitanata da Marco Fassone si è infatti direttamente mossa a discutere la legittimità dell’intervento dell’Uefa richiamando alla natura stessa del fair play finanziario.

Secondo i rossoneri l’indagine degli organi europei dovrebbe limitarsi alla vita del Club, su bilanci e garanzie, e non spingersi alle proprietà. La Uefa aveva infatti mosso perplessità sulla continuità aziendale del Milan non reputando affidabile Li e ritenendo il fondo Elliot, garante degli asset rossoneri, un mero creditore del debito.

Non si è dunque parlato dell’inserimento di un nuovo socio, prospettiva sempre più probabile e indicata come potenziale carta da giocarsi proprio in sede di dibattimento a Nyon questa mattina. E non è neppure presente in Svizzera Han Li, braccio destro dell’attuale proprietario rossonero, a conferma di un plausibile defilamento dei cinesi.

Da una parte dunque si lavora per un possibile affiancamento, seppur ancora da definire, al timone. Dall’altra però si cerca la linea dura con l’Uefa rischiando forte con una linea difensiva diretta, certamente poco accomodante e che non presenta sostanziali novità rispetto agli ultimi infruttuosi incontri.

Insomma, il Milan potrebbe avere a breve un nuovo soggetto pronto a scalare le gerarchie societarie, ma con il rischio ora più che concreto di non giocare in Europa. Fassone si è preso il Club sulle spalle e ha deciso di giocarsi sul tavolo il tutto per tutto. La mano però sembra particolarmente insidiosa.

GUARDA ANCHE:

Il CT di Panama: “Se passiamo butto giù due bottiglie di vodka d’un fiato”
FIGA TIME: Ecco Stefania. Bomber Borriello è di nuovo in città…
Cattelan e Alciato giocheranno in Champions e no, non siamo ubriachi

 

Scrivi un commento

Clicca qui per lasciare un commento