Bomber Story, Senza categoria 13 Ago, 2018 @ 0:04

Marco Negri, dalle stelle alle stalle

Dopo aver segnato 29 gol in 4 mesi Marco Negri, a fine 1997, era popolare come una rockstar in Scozia. Ma, proprio quando iniziava a sognare la convocazione per i...

By Marco Giorgio

Marco Negri, dalle stelle alle stalle

Circa venti anni fa in Scozia, per la precisione a Glasgow, un calciatore italiano faceva letteralmente impazzire i suoi tifosi. Marco Negri, bomber di razza, a suon di gol con la maglia del Perugia si era guadagnato l’ingaggio da parte dei Rangers che, per comprarlo dai grifoni, nel 1997 scucirono ben tre milioni e mezzo di sterline.

Marco Negri con la maglia del Cosenza

Classe 1970, Negri cresce nelle giovanili dell’Udinese dove Nedo Sonetti ne intuisce le grandi potenzialità e lo fa esordire, diciottenne, nel campionato cadetto. Dopo la prima difficile stagione in prestito a Novara in C2, senza reti all’attivo, Marco Negri inizia a carburare e disputa le stagioni successive in crescendo con le maglie di TernanaCosenza e Bologna. Ma è soprattutto in Calabria che si mette in luce, con la bellezza di 19 gol in 34 partite. L’anno successivo viene ingaggiato dal Perugia, e in Umbria arriva la definitiva consacrazione: 18 sigilli in B e l’agognata promozione nella massima serie. In A Marco Negri conferma tutte le sue qualità e, nonostante il campionato si concluda con un’amara retrocessione, sigla ben 15 reti.

Marco Negri celebrato dal Perugia

La svolta definitiva della carriera arriva quando i Rangers, già nell’occhio del ciclone per aver “scippato” Gennaro Gattuso proprio al Perugia, individuano in Marco Negri il profilo giusto per sostituire lo storico centravanti scozzese McCoist. La scelta si rivela clamorosamente azzeccata: fra agosto e dicembre, accanto a fenomeni del calibro di Gascoigne e Laudrup, il bomber italiano mette a segno 29 gol. Nella gara contro il Dundee, Negri sigla addirittura una memorabile cinquina che rimane, ovviamente, negli annali del club.

Il mondo è ai suoi piedi, viene eletto per più volte Player of the month e si parla addirittura della sua convocazione per i Mondiali del 1998. Ma, come spesso accade nel calcio (e nella vita), senza preavviso il destino volta le spalle a Marco Negri. Durante un’innocua partita a squash con il compagno di squadra Porrini, viene colpito a un occhio dalla pallina e subisce il distacco della retina. È l’inizio di un autentico calvario: due mesi fuori, poi la polmonite e persino un’ernia. Nonostante i guai, riesce a segnare altri 4 gol e si laurea capocannoniere, ma niente sarà più come prima.

Marco Negri festeggiato da Gennaro Gattuso

Dopo due anni tra panchina e tribuna, l’attaccante prova a rilanciarsi in Italia ma nelle successive esperienze esperienze con Vicenza, Bologna, Cagliari, Livorno e ancora Perugia, non lascia quasi mai il segno. Quella che, a un certo punto, poteva essere una splendida carriera internazionale, si conclude in modo inglorioso e Marco Negri, a soli 35 anni, decide di appendere gli scarpini al chiodo. Ma la sua partita perfetta del 23 agosto 1997, quella in cui segna 5 gol con una facilità disarmante, non potrà mai essere dimenticata.

CLICCA SULL’IMMAGINE E LEGGI ANCHE:

oleg-salenko-rangers

Oleg Salenko, recordman per caso

20 bomberate incredibili di Gazza Gascoigne

, , , , ,

By Marco Giorgio


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *