Home » Bellerin si sfoga: “I tifosi mi chiamano “lesbica” perché ho i capelli lunghi”
News

Bellerin si sfoga: “I tifosi mi chiamano “lesbica” perché ho i capelli lunghi”

L'eccentrico laterale spagnolo in forza all'Arsenal ha confessato il proprio disagio nei confronti del trattamento riservatogli da molti tifosi.

Hector Bellerin è principalmente noto al pubblico europeo per due motivi. In primo luogo il laterale dell’Arsenal è uno dei calciatori più veloci del pianeta. Poi, soprattutto in Inghilterra, si distingue per il gusto eccentrico nel vestire e la passione per la moda.

Nell’apertissima e cosmopolita Londra quest’ultimo aspetto non sembrerebbe davvero in nessun modo poter rappresentare un problema, o un argomento spinoso da affrontare. Ma quando di mezzo ci sono i calciatori, parte del tifo, soprattutto per mezzo social, finisce spesso per esagerare. E da quando gli insulti da parte della sua stessa tifoseria sono diventati una triste abitudine, Bellerin ha cominciato a soffrire prima di arrivare allo sfogo di queste ore riportato dal Times:

“Certi tifosi sono molto offensivi. La maggior parte degli insulti arriva online, ma alcuni si sentono anche allo stadio. Mi chiamano ‘lesbica’ perché porto i capelli lunghi e insistono con tanti altri insulti omofobi. Quando poi gioco male, la situazione è insostenibile. Se ti comporti diversamente da come si aspettano, diventi un bersaglio. C’è molta pressione affinché ci si conformi agli altri, e questa è una cosa pericolosa. Nella vita bisognerebbe essere liberi di esprimersi. Molte persone mi dicono cose belle, ma è normale concentrarsi sugli insulti. Ogni giorno cerco di imparare a combattere questa situazione nella miglior maniera possibile.”

Un conto è pretendere professionalità, vita d’atleta e un atteggiamento positivo in campo come fuori. Un’altra cosa è vomitare pesanti e gratuiti insulti per un capello un po’ più lungo, o un pantalone e una scarpa colorati. Noi scherziamo spesso sullo stile sopra le righe di tantissimi calciatori, con il Sobrietà Time. E un po’ di leggerezza e ironia (l’educazione dovrebbe essere sottintesa) sono quel che servirebbe a tanti “tifosi-commentatori” sul web, e a tutti nella vita.

GUARDA ANCHE:

Ora ci siamo. Silvio Berlusconi è davvero pronto a tornare nel calcio
Piatek e godetene tutti
Prima di Quagliarella… Crespo, Ibra e i Mancini: tutta la bellezza del tacco

 

 

 

 

Scrivi un commento

Clicca qui per lasciare un commento