Home » Borriello spiega la scelta di giocare a Ibiza: “Tutto è nato con la morte di Astori”
News

Borriello spiega la scelta di giocare a Ibiza: “Tutto è nato con la morte di Astori”

Marco Borriello spiega la scelta di giocare a Ibiza nata il giorno del funerale di Davide Astori. Qual è il nesso? Leggete e capirete

Diciamocelo, dopo CR7 alla Juve, la notizia di mercato che ha spiazzato davvero tutti è stata la scelta di Borriello di lasciare la Spal e di giocare per l’Ibiza calcio, militante nella serie C spagnola. Tutti hanno visto questa sua decisione come una scelta di comodo, per potersi dare alla bella vita (che comunque il nostro Marco conduceva anche a Ferrara). Tuttavia, Borriello spiega la scelta di giocare a Ibiza, mettendo in luce una prospettiva diversa.

LEGGI ANCHE: Ora ci siamo. Silvio Berlusconi è davvero pronto a tornare nel calcio

BORRIELLO SPIEGA LA SCELTA DI GIOCARE A IBIZA

A 36 anni, Marco Borriello ha deciso di rinunciare ai milioni della serie A e di rimettersi in gioco all’Ibiza. La motivazione l’ha spiegata lui stesso ai microfoni Rai: L’anno scorso la morte di Astori ha colpito tutti noi calciatori. Al funerale, il cardinale, faceva notare come si miri a una vita piena di soldi e di fama, non rendendosi conto che queste cose svaniscono da un momento all’altro. Da quel momento ho iniziato a godermi la vita, a prendere le cose con più leggerezza. Astori purtroppo non c’è più ma ci ha lasciato un grande insegnamento“. 

LEGGI ANCHE: Piatek e godetene tutti

Una scelta maturata qualche mese fa: “L’anno scorso ero spesso infortunato e quindi ho trascorso molto tempo a casa mia a Milano. Nonostante mi piaccia come città, ero infelice, non era la  vita che volevo fare. Quindi ho scelto Ibiza dove c’è il mare, il sole e dove ci si può divertire”. Una vita in vacanza? No, Borriello promette di portare la squadra in alto. Chiosa finale con un rammarico: “Puntavo a fare la carriera di Cristiano Ronaldo ma non ci sono riuscito. Comunque sono contento di quanto fatto, mi godo la vita con il sorriso e la massima positività”. 

LEGGI ANCHE: CHE FINE HANNO FATTO – Nello Russo, un gol da meteora

 

Scrivi un commento

Clicca qui per lasciare un commento