Inception pazzesco sulla panchina del Milan?

I tifosi milanisti quando sentono parlare di allenatori non capiscono ormai più se si tratti di un sogno o della realtà. Dopo il lungo e poco produttivo filone degli ex giocatori rossoneri approdati in panchina, ora potrebbe rimaterializzarsi un azzardo estremo, che ebbe luogo esattamente con la stessa modalità e con lo stesso protagonista di quasi dieci anni fa.

Nel pieno boom del guardiolismo Leonardo, allora giovane e illuminato dirigente, fu convinto da Adriano Galliani a lasciare la poltrona per scendere sul campo e allenare un Milan allora ricco di brasiliani. L’esperimento funzionò solo in parte e al termine della stagione (2009-10) il rapporto tra il brasiliano e il Club, presidente su tutti, si ruppe.

Dopo un lungo distacco, il rientro estivo in società dell’ex direttore del PSG è stato, nonostante il trascorso interista e gli screzi con Gattuso, digerito abbastanza bene, soprattutto dopo l’operazione Higuain-Caldara. Ma nulla avrebbe fatto pensare all’indiscrezione riportata oggi dal Messaggero.

Secondo il quotidiano la dirigenza rossonera starebbe pensando alla clamorosa ipotesi di vederlo sostituire Gattuso nel corso della stagione. La pista Conte infatti sembra piuttosto raffreddata, almeno per ora, e non paiono esserci sul mercato profili adeguati al momento e alle esigenze del Club.

Gattuso naviga a vista e potrebbe definitivamente perdere la bussola in poche settimane. La stagione però è appena cominciata, e a gennaio ci sarà da inserire il costoso e promettente Lucas Paquetà, fortemente cercato e sponsorizzato proprio da Leonardo.

Una follia? Può darsi. Però ora l’ingombrante presenza di Berlusconi non c’è più, e il controllo di mercato e squadra sarebbe per Leonardo pressoché completo, alla stregua di un manager di Premier League.

La suggestione è persino surreale, ma da Milanello in questi ultimi mesi si può davvero aspettarsi di tutto.

 

 

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti