Quanto ci manca il Cholito

La prima asta non si scorda mai, specie se nella lega si è in 12, soprattutto se la maggioranza decide di adottare il sistema mantra e pure la chiamata random.

Passi l’estate a studiare moduli, regolamenti, selezionare giocatori affinando l’udito a ogni sussulto di mercato e scegli (per quanto possibile) il bomber su cui puntare tutto, sapendo già che con CR7 in lista si scatenerà l’inferno. Così decidi di seguire il cuore, viola in questo caso, e di sfidare il tuo concorrente di rilancio in rilancio per aggiudicarti lui, il Cholito, quello che secondo te dopo i 14 gol dello scorso anno può solo migliorare nella Fiorentina delle giovani promesse.

Al debutto in campionato si accende e parte con il botto, segna e regala anche un assist. Si ripete parzialmente nel recupero della prima giornata contro la Sampdoria e poi per qualche ragione si spegne l’interruttore e Simeone nel tabellino dei marcatori non c’è più.

Simeone diventa 5imeone

Un 5 fisso in ogni partita, un dramma per chi ha puntato su di lui ad agosto, una maledizione che fino a qualche gara fa colpiva anche altri bomber come Dzeco, Dybala e Belotti. I momenti no capitano, ma quando sei al Franchi e lo vedi correre in area senza ricevere un pallone o peggio ancora sbagliare davanti la porta, capisci che qualcosa non va. Simeone non è sereno, gli manca quel +3 che manca anche a te e lo si è visto in panchina dopo il cambio a Frosinone dove se la prendeva con se stesso per quel gol ancora rimandato.

Mentre gli altri segnano

La tragedia si compie in ogni giornata in cui il tuo bomber di punta prende 5, in panchina ti segnano tutti e il tuo avversario stravince grazie al gol di Santander e Piatek, quest’ultimo magari preso a 1 in sede d’asta perché “quanti gol farà mai questo qua”. Le sorprese di questo campionato non finiscono mai, un po’ come quando Gervinho, nonostante gli anni passati all’estero in un campionato decisamente meno competitivo torna, corre e stupisce in tutte le partite.

La sosta, il mercato e la fiducia 

Ora c’è la sosta per le nazionali e in molte leghe si approfitta per fare qualche scambio. Simeone e la quasi fissa insufficienza, è nel mirino di tante squadre rivali, le proposte arrivano e messaggi con scritto “voglio il Cholito” intasano il tuo cellulare, ma tu vuoi ancora dargli fiducia e pensi che non appena lo venderai quello segnerà e pure tanto. Perché Simeone ha piedi buoni e maturità a volontà per fare la differenza. Tu lo sai, Pioli lo sa, lui deve solo convincersene e trovare la continuità che manca. 

Forza Cholito, vogliamo la garra in campo e magari un +3 al fantacalcio.








LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti