L’incredibile caso Isco

Quello del fantasista del Real Madrid Isco è un caso più unico che raro all’interno del panorama europeo. Intendiamoci, il 26enne andaluso non è l’unico calciatore di talento costretto a soffrire la panchina. Colpisce però che un interprete di questo livello sia stato messo ai margini prima da Zidane e ora, definitivamente, da Solari.

Al netto di un carattere probabilmente non facile, il potenziale di questo giocatore è straordinario. Al tempo del tecnico francese l’influenza di Ronaldo sulle dinamiche del reparto offensivo e una difficile collocazione tattica ne avevano già limitato l’esplosione. Da trequartista era riuscito a imporsi, ma l’idillio non durò molto.

L’incredibile clausola chiesta da Rabiot al Barcellona

L’arrivo di Lopetegui, contestualmente alla partenza di Ronaldo, sembrava tracciare uno scenario perfetto per lui. Un Real Madrid sempre più spagnolo con Isco al centro del progetto. Le cose, lo sappiamo bene, con l’ex CT della Nazionale sono però immediatamente precipitate, così come l’impiego del numero 22 che per il nuovo allenatore Solari è praticamente un separato in casa.

Ma la questione dove sta? Semplicemente per il Club Isco vale la clausola rescissoria da 700 milioni che blinda il suo contratto fino al 2022. Cioè, in soldoni, è difficile che possa muoversi da Madrid per meno di un centinaio.

Una situazione davvero paradossale, perché ora più che mai la sua quotazione è al minimo. Il rischio è quello di perdere definitivamente un campione e potenziale crack internazionale per molti anni.

Davvero nessun posto è come il Real Madrid.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti