Zorro Boban duro sul calcio italiano: “Dopo Pirlo il nulla”

Zvominir Boban, ex stella del Milan e della Nazionale croata, è noto per le proprie uscite sempre dirette e mai banali. E anche nel corso dell’ultima intervista a Soccer Illustrated Zorro non si è smentito.

Prima ha voluto dire la sua sulla figura del calciatore di oggi, e su alcuni comportamenti dei tifosi che poco gradisce.

Perché Puyol era un capitano diverso (VIDEO)

“I calciatori sono gli idoli dei tifosi e hanno la responsabilità di giocare e comportarsi bene, di impegnarsi al massimo, e dare sempre tutto nel rispetto dei tifosi.

I selfie non hanno preso il posto degli autografi, perché il problema non sono i selfie con i calciatori, ma i selfie durante la partita. Vuol dire che i tifosi non la stanno guardano, e questa cosa mi fa arrabbiare. Il gioco passa in secondo piano. Pensano di essere i tifosi i primi attori allo stadio, mentre i primi attori devono essere i calciatori e il bel gioco. Senza la cultura del calcio giocato perdiamo l’essenza di questo fantastico sport. Tutto deve partire dalla palla che rotola sul campo”.

“Pastiglie per dormire” Le confessioni di Inaki Williams

L’ITALIA NON HA TALENTI

Un bel pugno in faccia a chi vede il calcio come un semplice baraccone per veicolare sempre nuovi business. Non sono mancate però anche stilettate al nostro pallone.

“I dirigenti dei Club devono sedersi attorno a un tavolo e capire perché non ci sono più talenti. Dopo Pirlo non ho più visto talenti, e questa è una cosa gravissima per il popolo italiano, che ne ha sempre avuti parecchi. Un popolo di geni che da anni ha un problema evidente a livello giovanile. Non devono interessare i risultati collettivi, l’obiettivo deve essere quello di costruire calciatori di grande livello per grandi palcoscenici e questo non succede da parecchio. Il talento va lasciato libero, non si possono trattare tutti allo stesso modo, serve un occhio diverso per alcuni. Se s’imprigiona la fantasia nell’obbligo dell’uno-due e del non cercare dribbling avremo risultati a livello giovanile, ma non i grandi calciatori. Questi sono i semplici e veri problemi del calcio italiano. Se chi amministra viene però da banche o grandi aziende, il sistema non cambierà mai”.

Gigi Cagni di fioretto: “Wanda non ha competenze. Icardi senza Palle”

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I più letti